STAGE (o TIROCINIO)

Lo stage, detto anche tirocinio formativo o di orientamento, è un periodo di formazione pratica presso un'azienda, che si propone di arricchire il curriculum personale e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro.
Per le aziende, lo stage offre l'opportunità di prendere contatto con personale preparato e selezionato. Non esistendo alcun obbligo di assunzione, l'azienda ospitante viene messa nella migliore condizione di valutare le risorse più preparate e affidabili, nell'ottica di una eventuale assunzione.
Per i giovani, lo stage può rappresentare un mezzo per entrare in un'azienda e fare una prima esperienza di lavoro, accrescendo le proprie competenze professionali. Può essere nello stesso tempo l'occasione per farsi conoscere e mostrare le proprie capacità, non essendo del tutto esclusa l'eventualità che l'imprenditore decida, al termine dello stage, di assumere stabilmente lo stagista.
In Italia, gli stage sono regolati dal D. M. 142/1998 che chiarisce ambiti e modalità di applicazione della Legge 196/1997, art. 18 (Pacchetto Treu).

DESTINATARI
Lo stage può essere attivato per:
- studenti che frequentano la scuola secondaria
- studenti universitari
- allievi di corsi di qualifica e specializzazione
- neodiplomati o neolaureati
- lavoratori inoccupati o disoccupati iscritti nelle liste di mobilità.

DURATA
La durata di uno stage dipende dalla tipologia dei soggetti coinvolti:
- studenti che frequentano la scuola secondaria: massimo 4 mesi;
- lavoratori inoccupati o disoccupati iscritti nelle liste di mobilità, allievi degli istituti professionali di Stato, studenti che frequentano attività formative post diploma o post laurea: massimo 6 mesi;
- studenti universitari o laureati da non più di diciotto mesi, studenti che frequentano dottorati di ricerca o scuola di specializzazione anche nei diciotto mesi successivi il termine degli studi, persone svantaggiate: massimo 12 mesi;
- portatori di handicap: massimo 24 mesi.

SOGGETTI COINVOLTI
L'attivazione di uno stage richiede l'incontro di tre soggetti: il tirocinante, l'azienda che lo ospita, l'ente promotore (che guida lo svolgimento dello stage, garantendone il buon funzionamento).

OBBLIGHI
C'è bisogno di un'apposita convenzione, stipulata tra il soggetto promotore e l'azienda ospitante. Alla convenzione, che può riguardare più tirocini, deve essere allegato un progetto formativo e di orientamento per ciascun tirocinio, contenente:
a) gli obiettivi formativi che si propone di raggiungere, nonché le modalità di svolgimento del tirocinio
b) i nominativi del tutor incaricato dal soggetto promotore, che assume la figura di responsabile didattico-organizzativo delle attività, e del responsabile aziendale a cui fare riferimento
c) la durata e il periodo di svolgimento del tirocinio
d) il settore aziendale di riferimento.
Copia della convenzione e di ciascun progetto formativo e di orientamento va trasmessa alla Regione, alla struttura territoriale del Ministero del lavoro e della previdenza sociale competente, come pure alle rappresentanze sindacali aziendali ovvero, in mancanza, agli organismi locali delle confederazioni aziendali maggiormente rappresentative sul piano nazionale.
Lo stage non rientra nei rapporti di lavoro subordinati e quindi non comporta l'obbligo di retribuzione da parte dell'azienda, né quello previdenziale. A discrezione dell'ente promotore o dell'azienda è possibile un rimborso spese. I soggetti promotori devono invece obbligatoriamente provvedere all'assicurazione degli stagisti contro gli infortuni sul lavoro presso l'INAIL, e presso una compagnia assicuratrice per la responsabilità verso terzi. Le coperture assicurative devono riguardare anche attività eventualmente svolte dal tirocinante al di fuori dell'azienda e rientranti nel progetto formativo e di orientamento.
Al termine dello stage l'azienda può rilasciare al tirocinante una dichiarazione sulle competenze acquisite, utile per arricchire il curriculum personale.

AZIENDA OSPITANTE
Può essere qualsiasi azienda o ente pubblico/privato, con i seguenti vincoli numerici:
- con non più di 5 dipendenti a tempo indeterminato: 1 tirocinante;
- con un numero di dipendenti a tempo indeterminato da 6 a 19: fino a 2 tirocinanti contemporaneamente
- con più di 20 dipendenti, sempre a tempo indeterminato: tirocinanti non superiori al 10% dei dipendenti.

ENTI PROMOTORI
Possono promuovere uno stage:
- agenzie regionali per l'impiego
- direzioni provinciali del lavoro
- strutture di collocamento individuate dalle Regioni
- università e istituti di istruzione universitaria
- provveditorati agli studi
- scuole statali e non statali che rilasciano titoli di studio con valore legale
- centri pubblici di formazione e/o orientamento
- comunità terapeutiche e cooperative sociali, purché iscritte negli specifici albi regionali
- servizi di inserimento lavorativo per disabili gestiti da enti pubblici delegati dalla Regione
- istituzioni formative private senza fini di lucro, specificamente autorizzate dalla Regione.


Siti per approfondimenti:

Sportellostage.it
Sito dedicato interamente agli stage. Si rivolge sia alle aziende che intendono offrire spazi per gli stage, che a coloro che sono interessati a fare uno stage. Offre informazioni, consigli e notizie sempre aggiornate sul mondo degli stage, un manuale on line dello stage, l'elenco delle opportunità di stage all'estero.

Europalavoro.it
Pagine del portale Europalavoro che affrontano sinteticamente i principali aspetti legati all'attivazione di tirocini.

Polimi.it/stage
Sezione del sito del Politecnico di Milano che tratta dei tirocini universitari: tipologia, modalità di attuazione e procedure di avvio, convenzioni, attività di orientamento.

Tirocinio/Polito
Come attivare un tirocinio universitario.

Aiuto.net
Pagina di Aiuto.net dedicata alle opportunità di tirocini all'estero.