IPNOSI REGRESSIVA


Particolare tipo di ipnosi che si propone di riportare il soggetto indietro nel tempo per richiamare alla sua mente eventi o situazioni traumatiche che, anche se rimossi dalla campo della coscienza, possono influenzare negativamente la vita attuale. Far rivivere tali eventi o situazioni, permette spesso al soggetto di rielaborarli, integrandoli così nella propria personalità attuale.
Jean M. Charcot, neurologo presso la Salpetriere di Parigi, fu il primo a utilizzare l'ipnosi per aiutare il paziente a ricordare e rielaborare i contenuti rimossi.
Tale tecnica fu successivamente utilizzata da Sigmund Freud, che sviluppò una compiuta teoria del trauma psichico. Freud, tuttavia, abbandonò ben presto questo tecnica perché, a suo avviso, essa creava dipendenza e i risultati ottenuti spesso erano transitori. Inoltre, alcuni traumi descritti sotto ipnosi, risultarono essere costruiti dalla fantasia dei pazienti.
L'attuale orientamento tende a non assegnare eccessiva importanza al fatto che i traumi riferiti siano reali oppuri dovuti all'immaginazione del soggetto. Quel che conta sono i vissuti in quanto tali. La loro utilità terapeutica, che varia da paziente a paziente, viene infatti da molti ritenuta indipendente dalla effettiva realtà storica.
Le più frequenti interpretazioni dei resoconti ottenuti dai soggetti sottoposti a ipnosi possono essere comunque ricondotte alle seguenti tipologie:

1) come fatti realmente accaduti nel passato del soggetto;

2) come fantasie che il soggetto considera reali;

3) come fatti accaduti ad altre persone che, per una sorta di profonda immedesimazione, il soggetto crede di aver vissuto in prima persona;

4) come eventi traumatici verificatisi in esistenze precedenti all'attuale. Tale interpretazione ha avuto recentemente una notevole diffusione e anzi spesso la regressione viene spesso impostata fin dall'inizio in maniera da favorire l'emersione di questo tipo di esperienza.

Capostipite di questa specifica versione della regressione ipnotica è lo psichiatra americano Brian Weiss, secondo il quale non meno del 40% dei problemi psichici attuali lamentati dai pazienti ha origine in esistenze precedenti, pertanto è a queste che bisogna risalire se si vogliono ottenere guarigioni autentiche e soprattutto durature.
In Italia abbiamo Angelo Bona, Presidente della S.I.I.R. (Società Italiana Ipnosi Regressiva), attivo nel campo dell'ipnosi regressiva e autore di diversi libri sull'argomento.


Brian Weiss, Lo specchio del tempo. Usare la regressione nel passato per capire il proprio presente (con CD audio), Mondadori, Milano, 2004

Angelo Bona, L'amore oltre la vita. L'ipnosi regressiva e il segreto della reincarnazione, Mondadori, Milano, 2004

Alessia Ambrosini, Viaggio a ritroso nel tempo. Cronaca di un esperimento di regressione ipnotica, Lampi di stampa, 2004

Brian Weiss, Molte vite, molti maestri, Mondadori, Milano, 1998

Brian Weiss, Molte vite, un solo amore, Mondadori, Milano, 1997

Angelo Bona, Vita nella vita. Ipnosi regressiva a vite precedenti, Ed. Mediterranee, Roma, 2001


S. I. I. R.
Sito della S. I. I. R. (Società Italiana Ipnosi Regressiva) in cui si possono trovare informazioni, articoli e altro materiale vari sull'argomento.

Ipnosi regressiva/Psicolinea
Pagina di Psicolinea dedicata all'ipnosi regressiva.

Ipnosi regressiva/Ipnosicostruttivista
Ipnosi e ipnosi regressiva: prospettiva storica.

Brianweiss
Sito dello psicologo Brian Weiss, il più famoso rappresentante della ipnosi regressiva rivolta ai vissuti relativi a esistenze precedenti.

Ipnosi regressiva/CICAP
Pagina critica del CICAP sulla regressione ipnotica.