JOSEPH V. D. STALIN

VITA
Josef Vissarionovic Dzugasvili (1879 - 1953), più noto con lo pseudonimo di Stalin (uomo di acciaio) uomo politico sovietico. Nato a Gori, in Georgia, da una famiglia povera, grazie ad una borsa di studio riuscì a frequentare un seminario ortodosso, da cui verrà però espulso probabilmente a causa dell'attività politica per il Partito socialdemocratico russo.
Nel 1902 venne arrestato e deportato in Siberia con l'accusa di avere organizzato delle agitazioni. Nel 1904 riuscì a fuggire e a tornare in Georgia dove divenne un rivoluzionario e un membro di spicco del partito. Fino al 1913, per agitazioni e rapine alle banche che servivano per finanziare il partito, venne arrestato numerose volte ma sempre riuscì poi a fuggire. Si trasferì a Pietroburgo nel Comitato Centrale del partito ma di lì a poco fu nuovamente esiliato in Siberia.
Dopo la caduta dello Zar Stalin rientrò ed assunse ruoli direttivi sia nel partito che tra i bolscevichi anche se non si distinse in modo particolare durante la rivoluzione di ottobre (1917).
Nel 1922 diventò segretario generale del Comitato centrale e, assistente di Lenin, cominciò a polemizzare con Trotzki. Lenin, che nel frattempo aveva dei gravi problemi di salute, designò Trotzki come suo erede e condannò certe posizioni di Stalin. Tuttavia alla morte di Lenin, nel 1924, Stalin riuscì a instaurare un'alleanza con la destra del partito e ad estromettere Trotzki. Mentre il progetto di Stalin prevedeva una Russia che doveva difendere e salvaguardare la propria rivoluzione con tutte le proprie risorse, Trotzki teorizzava la rivoluzione permanente e la necessità di collegarsi all'Europa nell'ottica di creare un solo grande paese socialista. Espulsi dal partito Trotzki e gli altri avversari politici, Stalin prese il potere assoluto e cominciò ad attuare il suo progetto di collettivizzazione forzata dell'agricoltura e di trasformazione della Russia da paese agricolo a potenza industriale, ance se il costo di questa operazione portò allo sterminio dei contadini ricchi, ai campi di lavoro e alle prigioni per gli oppositori. Mentre l'industrializzazione dava i suoi frutti e l'URSS diventava una potenza industriale mondiale, Stalin mantenne il potere costruendo attorno a sé un culto della personalità esasperato e deponendo o eliminando fisicamente tutti gli avversari, gli oppositori e molti membri del vecchio movimento bolcesvico divenuti scomodi.
Sul piano della politica estera, intanto, davanti all'ascesa del nazismo, Stalin, nel 1939, suggellò un patto con la Germania di Hitler che si concretizzò con la spartizione della Polonia. Questo atteggiamento, che servì a Stalin ad allontanare per qualche tempo la minaccia di un'invasione tedesca suscitò nel mondo polemiche e indignazione in tutti gli stati antifascisti. Quando, nel 1941, la Germania aggredì inaspettatamente l'Unione Sovietica, Stalin, con l'aiuto degli Stati Uniti, richiamò a combattere tutto il popolo russo in una guerra che portò alla disfatta delle truppe tedesche. Poi l'attacco al Giappone dopo i bombardamenti atomici americani, permise all'URSS di salire sul carro dei vincitori e di ottenere importanti concessioni territoriali in Asia.
Nel dopoguerra Stalin riuscì a mantenere la dittatura all'interno del paese e a controllare i paesi del blocco sovietico con alleanze che portarono alla cosiddetta "guerra fredda" con gli USA. Mentre la politica dell'ostracismo continuava anche in politica estera, per esempio con la condanna della Jugoslavia di Tito.
Nel 1953 Stalin venne improvvisamente colpito da una paralisi e morì dopo qualche giorno.

[Edizione su licenza di Linguaggio Globale, (C) 2000 Zopper di Antonio Zoppetti]


BIBLIOGRAFIA

Martin McCauley, Stalin e lo stalinismo, Il Mulino, Bologna, 2000

Lilly Marcou, Stalin. Vita privata, Editori Riuniti, Roma, 1996

Alessandro Mongili, Stalin e l'impero sovietico, Giunti, Firenze, 1995

Leonid Mlechin, Perché Stalin creò Israele, Sandro Teti Editore, Roma, 2008
L'autore, sulla base di documenti recentemente scoperti negli archivi sovietici, sostiene la tesi che Stalin svolse un ruolo fondamentale nella nascita dello Stato di Israele.

T. Snyder, Terre di sangue. L'Europa nella morsa di Hitler e Stalin, Rizzoli, Milano, 2010

Victor Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana, Mondadori, Milano, 2004

Louis Rapaport, La guerra di Stalin contro gli ebrei, Rizzoli, Milano, 2002

Robert Conquest, La rivoluzione, il terrore, la guerra, Mondadori, Milano, 2002

Viktor Suvorov, Stalin, Hitler, la rivoluzione bolscevica mondiale, Spirali/Vel, 2000

Eugenio Conti, Processo e morte di Stalin, Ares, 1999

Lynne Viola, Stalin e i ribelli contadini, Rubbettino, 1999

Oleg Chlevnjuk, Stalin e la società sovietica negli anni del terrore, Guerra Edizioni Guru, 1997

Alan-Louis Bullock, Hitler e Stalin. vite parallele, Garzanti, Milano, 1995

Silvio Pons, Stalin e la guerra inevitabile, Einaudi, Torino, 1995

Giuseppe Fiori, Gramsci Togliatti Stalin, Laterza, Bari, 1991

Paolo Spriano, I comunisti europei e Stalin, Einaudi, Torino, 1983