IGNAZ P. SEMMELWEIS

VITA & OPERA
Ignaz Philipp Semmelweis (Buda, Ungheria, 1818 - Vienna, 1865), medico ungherese, considerato lo scopritore della principale causa della febbre puerperale, rappresenta un caso emblematico della chiusura del mondo scientifico di fronte alle nuove scoperte.
La febbre puerperale, ai tempi di Semmelweiss, uccideva misteriosamente migliaia di puerpere, soprattutto nei grandi ospedali. Semmelweiss, in seguito ad attente osservazioni e a una serie di coincidenze fortuite, giunse alla conclusione che la malattia fosse provocata dagli stessi medici e studenti i quali, secondo una prassi abbastanza comune a quel tempo, venivano spesso a visitare le pazienti dopo aver fatto pratica di dissezione dei cadaveri, in sala anatomia. Per verificare la sua ipotesi, Semmelweiss ordinò che tutte le persone del suo reparto si lavassero bene le mani con una soluzione disinfettante (cloruro di calcio) prima di qualsiasi contatto con le pazienti.
Tale direttiva portò a una drastica riduzione dei decessi.
Il valore della scoperta, tuttavia, fu contestato aspramente dalla maggioranza dei medici del tempo, che gli rivolsero una tale quantità di accuse da provocare addirittura la sua espulsione dall'ospedale e in seguito anche dalla cattedra universitaria di Budapest, che gli era stata offerta nel 1885.
I dati che Semmelweiss forniva a sostegno della propria tesi erano molto eloquenti: nell'anno 1846, su 4.010 puerpere ricoverate nel suo reparto, ne erano morte ben 459 (più dell'11%); nel 1847, con l'adozione del lavaggio delle mani con cloruro di calcio verso la metà dell'anno, su 3.490 pazienti ricoverate, ne erano morte 176 (il 5%); l'anno successivo proseguendo la pratica del lavaggio, su 3.556 ricoveri, i decessi erano scesi ad appena 45 (poco più dell'1%). Questi risultati, anche se forse lasciavano ancora un piccolo margine di dubbio (poteva trattarsi di una semplice coincidenza) avrebbero dovuto almeno suscitare qualche interesse in coloro che avevano a cuore il progresso della medicina, così da spingere a nuove sperimentazioni per sottoporre a verifica l'ipotesi. Invece, essi vennero praticamente ignorati.
Dopo la pubblicazione della sua opera fondamentale Eziologia, concetto e profilassi della febbre puerperale, l'opposizione nei confronti di Semmelweiss divenne ancor più agguerrita, tanto che egli, stanco e deluso, cadde in un lungo periodo di depressione. I suoi nemici ne approfittarono allora per farlo internare in un manicomio, dove poco dopo egli morì.
15 anni dopo la sua morte gli veniva intitolata la clinica ostetricia di Vienna e nel 1894 gli veniva eretto un monumento a Budapest.


OPERE

-- Come lavora uno scienziato. Eziologia, concetto e profilassi della febbre puerperale [1861], Armando, Roma, 1977

Una sintesi di questo lavoro si può leggere in:
Massimo Baldini (a cura di), Filosofia e scienza da Talete a Popper, Armando, Roma, 1998, pagg. 307-322.


Sherwin B. Nuland, Il morbo dei dottori. La strana storia di Ignac Semmelweis, Codice Edizioni, Torino, 2004
Biografia di Semmelweis, che è anche un ritratto illuminante dell'ambiente medico nella Vienna della metà dell'Ottocento, caratterizzato dal conflitto tra due generazioni di dottori: la classe accademica tenacemente ancorata alle proprie convinzioni e privilegi e la nuova generazione, impegnata ad elaborare metodi di diagnosi quanto più possibile oggettivi.

Louis-Ferdinand Céline, Il dottor Semmelweis, Adelphi edizioni, 1975




Semmelweis/Wikipedia
Scheda di Wikipedia su Semmelweis.

Semmelweis/Ecologiasociale
Recensione, un po' romanzata dell'opera di Nuland, Il morbo dei dottori. La strana storia di Ignac Semmelweis.