PAUL RICOEUR


Paul Ricoeur (n. 1913), nelle sue opere Della interpretazione. Saggio su Freud e Il conflitto delle interpretazioni, si ricollega all'ermeneutica filosofica di Gadamer, nel senso che riconosce alla teoria dell'interpretazione un ruolo di primo piano nell'ambito dello speculativo. Tuttavia questa rifondazione del pensiero ermeneutico esula dalla tradizione esistenzialistica del tipo della filosofia allusiva di Heidegger, e soprattutto si propone di intraprendere un duplice percorso in cui la teoria del testo non è integrata da una semiotica, ma le due discipline (teoria ermeneutica del testo e semiotica come ermeneutica) risultano ognuna autonoma e distinta; quindi quella di Ricoeur non è più un'ermeneutica univoca, presentando un dualismo di fondo che si proietta liberamente al passato o al futuro, ai testi del passato e ai segni (colti nel presente) del futuro.
E proprio per non smentire questa attenzione rivolta sia alla storia del passato che alla storia del futuro, Ricoeur guarda al passato (la filosofia, contemporanea ma non coeva, di Husserl) per fondare l'ermeneutica del futuro; il referente scelto da Ricoeur per dare una nuova fisionomia al pensiero ermeneutico, il fenomenologo Husserl, considerava la conoscenza precategoriale, quella precedente all'insorgenza di presupposti logici, come più pura e rivelatrice di senso rispetto ad altre forme di conoscenza, cosiddette razionali. Da qui muove Ricoeur per affermare che questa dimensione più pura in ambito gnoseologico è pertinente al linguaggio.
Come Gadamer, però, Ricoeur tende a non interpretare il linguaggio come un mezzo al servizio dell'atto comunicativo. Il linguaggio infatti è determinato da valori inesauribili ed assoluti: i simboli. Per Ricoeur l'aspetto simbolico acquista un significato rivelatore capace di trasmettere una valenza ontologica. L'uomo di tutti i tempi si è sempre confrontato con una sfida di ordine semiologico, sfida radicata nel segno come veicolo per raggiungere il cuore dell'esistenza. Purtroppo nel mondo contemporaneo tutto è soffocato dalla banalità, la modernità stessa si identifica con una visione del mondo che ha rinunciato ad approfondire il carattere di ermeneuticità del reale, ritenendo di poter fare benissimo a meno di interpretare le forme simboliche che si costituiscono nel (e si determinano a partire dal) mondo.
Diversamente da Gadamer, che nel concetto di ermeneutica scorge un significato univoco, il filosofo francese avverte l'esigenza di riconoscere due ermeneutiche anziché una. La prima ermeneutica riguarda il recupero, all'interno del linguaggio, di sensi remoti presenti agli albori della civiltà, quando la stessa vita era regolata da un ritmo più umano, non ancora moderna e quindi non banale.
A questo livello, regressivo perché rivolto alla storia del linguaggio, del problema ermeneutico consegue il compito, filosofico, di intuire delle cifre in grado di prevedere il futuro. In tal modo, l'ermeneutica diventa ermeneutica dei simboli più che dei testi, o nel testo deve scandagliare la presenza e il senso del simbolo, e in questa ripresa di temi in qualche modo legati alla teoria dei segni sembra richiamarsi alla filosofia delle forme simboliche di Ernst Cassirer. Il valore regressivo/progressivo del simbolo impone due piani di lettura nell'esperienza del reale.
L'ermeneutica dei simboli regressiva è dunque tale perché fondata su memoria ed ancestralità,l'ermeneutica dei simboli progressiva invece ne rappresenta l'antitesi, avendo caratteri di prolessi e premonizione. Ricoeur realizza una ermeneutica dai due volti, regressiva e progressiva, che nell'idea di simbolo crede di aver individuato un metaoperatore capace di estendere l'ermeneutica oltre le sue basi.
Il suo tentativo svolta verso una teoria semiologica squisitamente filosofica, quindi non in linea con la semiotica di Charles Sanders Peirce che negli anni Sessanta era stata riscoperta ed utilizzata in chiave strutturalistica. Ricoeur vede ancora nella filosofia - intesa come sfida semiologica - una forma di sapere precategoriale, più autentica e pura di ogni forma di sapere scientifico.

[Scheda di Domenico Turco]
(www.mondo3.it)


-- Il volontario e l'involontario [1950]

-- Storia e verità [1955], Marco, 1994

-- Finitudine e colpa [1960]

-- Percorsi del riconoscimento, Raffaello Cortina, Milano, 2005

-- Della interpretazione. Saggio su Freud [1965], Il Saggiatore, Milano, 2002

-- Il conflitto delle interpretazioni [1965], Jaca Book, 1995

-- La metafora viva [1975]

-- La configurazione nel racconto di finzione [1984]

-- Il tempo raccontato [1985]

-- Dal testo all'azione. Saggi di ermeneutica [1986], Jaca Book, 1989

-- Sé come un altro [1990]

-- La semantica dell'azione, Jaca Book, 1986

-- Conferenze su ideologia e utopia, Jaca Book, 1994

-- La persona, Morcelliana, 1997

-- Riflession fatta. Autobiografia intellettuale, Jaca Book, 19987

Paul Ricoeur - Jean-Pierre Changeux, La natura e la regola. Alle radici del pensiero, Raffaello Cortina, Milano, 1999

-- Filosofia del linguaggio, Guerini e Associati, 2000

-- Amore e giustizia, Morcelliana, 2000

Paul Ricoeur - Algirdas J. Greimas, Tra semiotica ed ermeneutica, Meltemi, 2000

-- La memoria, la storia, l'oblio, Cortina Raffaello, Milano, 2003

-- Ermeneutica filosofica ed ermeneutica biblica, Paideia, 2004

-- Ricordare, dimenticare, perdonare. L'enigma del passato, Il Mulino, Bologna, 2004

Paul Ricoeur - Eberhard Jüngel, Dire Dio. Per un'ermeneutica del linguaggio religioso, Queriniana, 2005

-- Emmanuel Mounier. L'attualità di un grande testimone, Città aperta, 2005




Francesca Brezzi, Introduzione a Ricoeur, Laterza, Roma-Bari, 2006

Domenico Jervolino, Introduzione a Ricoeur, Morcelliana, 2005

Valentina Patruno, La via lunga di Paul Ricoeur, Progedit, Bari, 2010

Vereno Brugiatelli, La relazione tra linguaggio ed essere in Ricoeur, UNI Service, Trento, 2009

Vereno Brugiatelli, Potere e riconoscimento in Paul Ricoeur, UNI Service, Trento, 2008

Luca Margaria, Passivo e/o attivo. L'enigma dell'umano tra Lévinas e Ricoeur, Armando, Roma, 2005

Marialuisa Pulito, Identità come processo ermeneutico. Paul Ricoeur e l'analisi transazionale, Armando, Roma, 2005

Domenico Jervolino, Introduzione all'ermeneutica di Ricoeur, Morcelliana, Brescia, 2003

Alessandro Argiroffi, Identità personale, giustizia ed effettività. Martin Heidegger e Paul Ricoeur, Giappichelli, Torino, 2002

Giovanna Farinelli, L'educazione come metafora della vita. Paul Ricoeur: la filosofia e l'educazione, Edizioni Scientifiche Italiane, 2000

Annaemi Montalto, Storia, tempo e racconto in Paul Ricoeur, Falzea, Reggio Calabria, 2000

Fabrizio Turoldo, Verità del metodo, Indagini su Paul Ricoeur, Il Poligrafo, 2000

Francesca Brezzi, Ricoeur. Interpretare la fede, EMP, 1999

Laura Pialli, Fenomenologia del fragile. Fallibilità e vulnerabilità tra Ricoeur e Lévinas, Edizioni Scientifiche Italiane, 1998

Daniella Iannotta, Frammenti di lettura. Percorsi dell'altrimenti con Paul Ricoeur, Aracne, 1998

Iolanda Poma, Le eresie della fenomenologia. Itinerario tra Merleau-Ponty, Ricoeur e Lévinas, Edizioni Scientifiche Italiane, 1996

Domenico Jervolino, Ricoeur. L'amore difficile, Studium, 1996

Antonio De Simone, Dalla metafora alla storia. Modelli ermeneutici, filosofia e scienze umane: saggi su Ricoeur, Gadamer e Habermas, Quattroventi, 1995

Marco Buzzoni, Persona e ontologia, Studium, 1988

Pierpaolo Marrone, Studi sul pensiero di Paul Ricoeur, CLUET, Trieste, 1986

Domenico Jervolino, Il cogito e l'ermeneutica. La questione del soggetto in Ricoeur, Procaccini, Napoli, 1984


Ricoeur/SEP
Pagina della Stanford Encyclopedia of Philosophy dedicata a Paul Ricoeur.

Ricoeur/SEP
Sito accademico di Paul Ricoeur.

Ricoeur/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata alla vita e all'opera di Ricoeur.

Ricoeur/Filosofico.net
Scheda su Paul Ricoeur.

Ricoeur/EMSF
Breve scheda su Ricoeur.

Ricoeur/Wikipedia
Scheda di Wikipedia su Ricoeur.

Ricoeur/Yuma
Articolo on line: Valentina Patruno, "L'epistemologia dell'interpretazione in Paul Ricoeur".