KARL L. REINHOLD

VITA
Karl Leonhard Reinhold (1758-1823) insegnò all'università di Jena e fu il massimo continuatore e divulgatore della filosofia di Kant, tentando di chiarirne i punti più oscuri e dibattuti.
Scrisse le Lettere sulla filosofia di Kant (1786-1787) ed il Saggio di una nuova teoria della facoltà rappresentativa dell'uomo (1789).



Reinhold cerca di risolvere in un unico principio, la scienza, il dualismo insito nel pensiero kantiano. Sensazioni, pensieri, intuizioni, concetti, idee, sono contenuti di coscienza, rappresentazioni ricevute mediante il sentire, il pensare, ecc... Tali contenuti ed i loro rapporti costituiscono l'unica facoltà rappresentativa. La rappresentazione della coscienza si riferisce sia al soggetto che all'oggetto ed è distinta in entrambi. Quello che nella rappresentazione si riferisce al soggetto è la forma, quello che si riferisce all'oggetto è la materia.
Il noumeno non è rappresentabile in nessun modo, poiché altrimenti non sarebbe cosa in sé. Nonostante ciò la sua esistenza è certa, dato che è quel quid che sta alla base della semplice materia di una rappresentazione.

[Scheda di Adriano Virgili]

-- Lettere sulla filosofia kantiana [1786-1787]

-- Saggio di una nuova teoria della facoltà rappresentativa dell'uomo [1789]

-- Contributi alla rettifica dei malintesi sinora avutisi tra i filosofi [1790-94]


Reinhold/SEP
Pagina della Stanford Encyclopedia of Philosophy dedicata alla vita e al pensiero di Karl L. Reinhold.

Reinhold/Filosofico.net
Scritto on line "L'idealismo e il romanticismo", all'interno del quale si trova una breve trattazione del pensiero di Reinhold.

Reinhold/Unina
Scritto "La coscienza, la rappresentazione e lo scetticismo" all'interno del quale vengono delineate le principali caratteristiche del pensiero di Reinhold.

Reinhold/Litlinks
Breve biografia di Reinhold.