RENE' LE SENNE

VITA & PENSIERO
René Le Senne (1882-1954), filosofo francese, professore alla Sorbona, esponente dello spiritualismo assiologico e noto oggi soprattutto per il suo Trattato di caratterologia.

Pensiero filosofico
Secondo Le senne, l'individuo acquista coscienza di sé quando si imbatte in un ostacolo che in qualche modo lo "contraddica": davanti all'ostacolo, attraverso la "contraddizione", l'esistenza diventa problema a se stesso. Viene così a trovarsi davanti all'alternativa di cedere all'ostacolo, oppure di agire per superarlo, portandosi al di là di quella determinazione che è il segnale del limite, e allora l'ostacolo si trasforma in "valore", ossia in mezzo di accrescimento della realtà interiore.
L'unità dell'io, davanti a un ostacolo, si spezza: l'ostacolo viene percepiro come un ogggetto, mentre l'io avverte il limite che esso gli impone. Se lo spirito si piega davanti all'ostacolo e si lascia sopraffare, decade; s'inserisce in un ordine di determinazioni che lo conducono a perdersi nella natura. Se invece coglie l'ostacolo come una sfida e lo considera un'occasione per farne un mezzo di conquista e uno strumento di arricchimento della propria vita, allora lo supera e ciò contribuisce alla sua sua crescita come "persona".
E poiché la contraddizione risorge sempre dopo ogni soluzione, l'intera vita viene ad essere costituita da una serie di prove, attraverso le quali l'uomo diventa artefice del proprio destino. La crisi è dunque, per Le Senne, la condizione normale della coscienza, il germe della sua espansione.
L'esistenza dell'uomo è dunque destinato a stare nell'intervallo tra la determinazione delle situazioni concrete e l'assolutezza di Dio. L'uomo vive in una condizione di limitatezza ma aspira al valore assoluto.

La caratterologia
Le Senne individua nel carattere 3 proprietà fondamentali: l'emotività, l'attività e la risonanza.

L'emotività viene definita come "quel tratto generale della nostra vita mentale per cui nessun avvenimento da noi subito come contenuto d'una percezione o d'un pensiero può prodursi senza commuoverci in qualche misura e cioè, senza provocare nella nostra vita organica e psichica un turbamento più o meno forte". (1)

L'attività è la tendenza all'azione che parte dal soggetto stesso. Gli avvenimenti esterni non costituiscono che "delle occasioni, dei pretesti, se non ci fossero, egli le cercherebbe, li provocherebbe, poiché vive per agire". (2)
L'inattivo agisce soltanto sotto la spinta di una necessità; l'attivo agisce per un bisogno interno.
La proprietà dell'attività si rivela molto bene dal comportamento di fronte agli ostacoli; per l'attivo "il sorgere di un ostacolo rafforza l'azione da lui compiuta proprio nella direzione che l'ostacolo vieta" (3); per l'inattivo le difficoltà costituiscono un motivo di scoraggiamento e di ritiro.

La risonanza viene definita come la persistenza degli effetti prodotti da un determinato evento dopo che esso è passato. In base a questa proprietà, si possono dividere gli invidui in primari (quando l'influenza di una data esperienza non si prolunga molto nel tempo dopo che essa è passata) e secondario (se le esperienze passate continuano a influenzare il presente anche dopo il loro termine).
Si può dire che il primario "vive nel presente, si rinnova con esso", mentre il secondario "smorza il presente [...] opponendo alle circostanze attuali la ripercussione d'una moltitudine di impressioni passate". (4)

In base alle diverse combinazioni di queste 3 proprietà fondamentali, Le Senne distingue 8 caratteri fondamentali:
- Nervoso (E.nA.P.)
- Sentimentale (E.nA.S.)
- Collerico (E.A.P.)
- Passionale (E.A.S.)
- Sanguigno (nE.A.P.)
- Flemmatico (nE.A.S.)
- Amorfo (nE.nA.P.)
- Flemmatico (nE.nA.S.)

-------------
NOTE
(1) Le Senne, Trattato di caratterologia, SEI, Torino, 1960, pag. 55
(2) Le Senne, Op. cit., pag. 67
(3) Le Senne, Ivi
(4) Le Senne, Op. cit., pag. 77
(5) Le Senne, Op. cit., pag. 90 e sgg.


OPERE

-- Introduzione alla filosofia (1925)

-- Il dovere (1930)

-- Ostacolo e valore [1934], Morcelliana, Brescia, 1950

-- Trattato di morale generale [1942], Fabbri, Milano, 1969

-- Trattato di caratterologia [1945], SEI, Torino, 1960

-- Il destino personale (1951)

-- La scoperta di Dio (pubblicato postumo, nel 1955)


Carla Canullo, Coscienza e libertà. Itinerario tra Maine de Biran, Lavelle, Le Senne, Ed. Scientifiche Italiane, Napoli, 2001 G. Magnani, Itinerario al valore in René Le Senne, Pontificia Università Gregoriana, Roma, 1971

Francesco Lunetta, La caratterologia di René Le Senne, CEDAM, Padova, 1972

Norberto Galli, La caratterologia di G. Heymans e di R. Le Senne: rassegna storica, esposizione sistematica, applicazioni pedagogiche, Pas-Verlag, Zurich, 1965

Ettore Centineo, René Le Senne: idealismo personalistico e metafisica axiologica, Palumbo, Palermo, 1952

A. Guzzo - G. Clava - C. Rosso - M. Ghio, René Le Senne, Edizioni di "Filosofia", Torino, 1951

Andrea Le Gall, Caratterologia dei fanciulli e degli adolescenti, SEI, Torino
Basato sulla caratterologia di René Le Senne.


Siti per approfondimenti

LeSenne/Analisidellascrittura
I temperamenti secondo Le Senne.