IMMANUEL KANT

VITA
Immanuel Kant nacque a Konigsberg, nella Prussia orientale, nel 1724, da una famiglia di modeste condizioni economiche. Nel 1732 entrò nel Collegium Friedercianum e dal 1740, per circa sei anni, frequentò i corsi di filosofia, matematica e di teologia dell'università della sua città natale, dove studiò la dottrina newtoniana e l'opera di Wolf.
Conclusi i suoi studi universitari, Kant divenne per circa nove anni istitutore presso alcune famiglie nobili in varie località della Prussia orientale. Nel 1755 ottenne la libera docenza all'università di Konigsberg, dove tenne dei corsi liberi, finché nel 1770 non gli venne assegnata la cattedra ufficiale di filosofia, cattedra che conservò fino al 1796.
Gli ultimi anni del suo insegnamento furono segnati da un contrasto sorto con il governo prussiano, che gli vietò l'insegnamento di alcune dottrine religiose presentate in un suo scritto.
Morì a Konisberg nel 1804.




Il periodo precritico
La prima fase della produzione di Kant è caratterizzata dall'interesse verso le scienze e la filosofia naturale, nell'intento di descrivere i fenomeni senza dover ricorrere a cause puramente ipotetiche. Nella Storia universale della natura e teoria del cielo, sotto l'influsso di Newton, questi applica le forze di attrazione e repulsione per elaborare una teoria meccanicistica riguardante la formazione dell'universo, senza la necessità di dover ricorrere ad argomenti teologici al fine di spiegare i fenomeni naturali. Alle opere di argomento scientifico, segue una serie di scritti tesi a tentare una riorganizzazione della filosofia, nei quali vanno progressivamente delineandosi i temi di quella che sarà poi la filosofia trascendendale kantiana. Qui Kant si propone di cercare un metodo filosofico rigoroso per approdare ad una certezza metafisica che sia paragonabile a quella raggiunta nell'ambito delle scienze sperimentali. Egli critica la metafisica tradizionale, contrapponendole una metafisica intesa come scienza dei limiti della ragione.

La Critica della ragion pura
Nella Critica della ragion pura Kant si propone di sottoporre a giudizio la ragione umana. Per critica della ragion pura qui si intende l'indagine rigorosa "della facoltà della ragione riguardo a tutte le conoscenze a cui può aspirare indipendentemente da ogni esperienza", al fine di poter stabilire la possibilità di una metafisica come scienza. La conoscenza dovuta all'esperienza è detta a posteriori, mentre quella che è indipendente dall'esperienza è detta a priori. Solo la conoscenza a priori è universale e necessaria. La conoscenza si compone di una materia (le impressioni sensibili derivanti dall'esperienza) e da una forma (l'ordine e l'unità che le nostre facoltà conferiscono alla materia). La conoscenza scientifica, come opera nella matematica e nella fisica, è una sintesi a priori, vale a dire che contiene giudizi sintetici a priori, dove sintetico significa che il predicato aggiunge qualcosa di nuovo al soggetto, e a priori vuol dire universale e necessario e perciò non derivante dall'esperienza. L'opera ha quindi lo scopo di rispondere alla domanda come siano possibili giudizi sintetici a priori, ovvero come è possibile la scienza, visto che opera con simili giudizi. Tali "condizioni di possibilità" della scienza e della conoscenza risiedono negli elementi a priori che ordinano le impressioni: l'oggetto dell'esperienza risulta da una sintesi tra un dato della sensibilità e un elemento a priori e Kant chiama tale oggetto fenomeno. La Critica della ragion pura vuole indagare gli elementi formali, o trascendentali, della conoscenza, dove con trascendentale si intende una conoscenza "che si occupa non di oggetti, ma del nostro modo di conoscenza degli oggetti". Tale inversione nel rapporto conoscitivo per cui è l'oggetto ricevuto dalla sensibilità e pensato dall'intelletto che si adegua al soggetto conoscente e non viceversa viene definita da Kant la rivoluzione copernicana del pensiero. La Critica della ragion pura si divide nell'estetica trascendentale e nella logica trascendentale, la quale è a sua volta suddivisa in analitica trascendentale (analitica dei concetti e analitica dei princìpi) e dialettica trascendentale.
L'estetica trascendentale determina le forme pure della sensibilità, entro cui le sensazioni sono ordinate. Queste sono le intuizioni pure di spazio e di tempo, che possiedono una realtà empirica ed una idealità trascendentale, condizionando il modo delle cose di apparire a noi. Se la sensibilità è recettività, l'intelletto è spontaneità e la sua attività è il giudizio. Ne deriva che pensare altro non è che giudicare.
La logica trascendentale astrae dal contenuto empirico e tratta dei concetti puri, o categorie dell'intelletto. L'attività dell'intelletto si esplica nel giudicare secondo classi (quantità, qualità, relazione, modalità) che si articolano in funzioni intellettuali, le dodici categorie: unità, realtà, sostanzialità e inerzia, possibilità e impossibilità, molteplicità, negazione, causalità e dipendenza, esistenza e inesistenza, totalità, limitazione, comunanza e reciprocità di azione, necessità e casualità. Per applicare le categorie agli oggetti dell'esperienza occorre il passaggio della deduzione trascendentale. Se infatti nella sensibilità il molteplice dell'esperienza viene ordinato secondo le intuizioni di spazio e di tempo, nell'intelletto il molteplice dato dalla sensibilità deve sottomettersi "alle condizioni dell'unità sintetica originaria dell'appercezione": l'Io penso. Il pensiero di un oggetto mediante i concetti dell'intelletto può diventare conoscenza solo se relazionato agli oggetti dei sensi. Questo significa che pensare e conoscere non sono la stessa cosa: un oggetto può essere pensato tramite le categorie, ma tale oggetto pensato può essere conosciuto solo mediante le intuizioni sensibili di spazio e tempo.
L'analitica dei princìpi insegna ad applicare i concetti ai fenomeni, e questo implica che sia trovata una mediazione tra sensibilità e intelletto, tra intuizione e concetto. Occorre cioè un terzo termine, omogeneo con il concetto, che è intellettuale, e con il fenomeno, che è sensibile: si tratta dello schema trascendentale, un prodotto dell'immaginazione. L'immaginazione configura nel tempo (che è a priori come le categorie dell'intelletto e intuibile come le forme pure della sensibilità), secondo le varie categorie, il materiale fornito dalla sensibilità.
La dialettica trascendentale intende dimostrare che i giudizi sintetici a priori valgono solo per le cose come appaiono, per i fenomeni. I giudizi sintetici a priori risultano pertanto illegittimi se applicati alle cose in sé, che Kant definisce noumeni e ci dice essere inconoscibili. Ne deriva che se le categorie hanno una funzione costitutiva nella conoscenza, le tre idee di anima, mondo e Dio, fondamento del sapere metafisico, hanno solo una funzione regolatrice e sono pensate dalla ragione, che a differenza dell'intelletto non opera sui dati sensibili, gli unici veramente conoscibili. La ragione tende ad unificare i dati interni attraverso l'idea di anima, i dati esterni attraverso l'idea di mondo e a fondare tutto l'esistente nell'idea di Dio.
L'errore nasce se la ragione pretende di entificare, di trasformare cioè in enti reali, queste idee di cui non abbiamo alcuna esperienza, traendone una conoscenza, la metafisica tradizionale, che è illusoria poiché pretende di andare oltre i limiti dell'esperienza sensibile. Risulta perciò negativa la risposta alla domanda iniziale, ossia se sia possibile una metafisica come scienza.

La Critica della ragion pratica
Scopo della Critica della ragion pratica è la ricerca delle condizioni della morale. Nell'uomo è presente una legge morale (un fatto della ragione) che comanda quale imperativo categorico, vale a dire incondizionatamente. Questa legge del dovere comanda per la sua forma di legge, come norma che prescrive di obbedire alla ragione, e perciò a differenza della massima (che regola la condotta individuale) deve essere universale, principio oggettivo valido per tutti: indica come fine il rispetto della persona umana e afferma l'indipendenza della volontà come pure l'autonomia della ragione. Il dovere per il dovere indirizza quindi a quell'ordine morale, il regno dei fini, in cui il valore di un'azione dipende dalla conformità della volontà alla prescrizione della legge morale. I postulati della legge sono innanzitutto e fondamentalmente la libertà (se l'uomo non fosse libero non ci sarebbe moralità), l'immortalità dell'anima (poiché nel nostro mondo non si realizza mai la piena concordanza della volontà alla legge che rende degni del sommo bene) e l'esistenza di Dio (che fa corrispondere la felicità al merito acquisito). Così le idee della ragione (anima e Dio), solo pensabili nella Critica della ragion pura, ora si presentano come postulati della moralità.

La Critica del giudizio
Tra il mondo dei fenomeni, di cui si dà scienza, e il regno dei fini, sottratto al determinismo e del tutto libero, c'è eterogeneità, eppure il mondo noumenico (cioè "pensato quale deve essere secondo i dettami della legge morale") deve avere qualche riflesso su quello sensibile perché la libertà possa attuarvisi.
L'attività del giudizio, argomento della Critica del giudizio, deve proprio scorgere questo riflesso del regno dei fini sul mondo fenomenico e lo può fare in due modi: quale giudizio determinante o quale giudizio riflettente. Il caso del giudizio determinante è quello del giudizio gnoseologico e morale, in cui è già data una norma universale che permette all'intelletto e alla volontà di determinare il particolare, ossia il dato della scienza o l'azione della morale, sussumendolo sotto le categorie dell'intelletto o sotto la legge morale (per esempio: la combustione del legno è dovuta al fuoco; questa azione è giusta). L'esigenza del giudizio riflettente consiste nel fatto che, dato il molteplice empirico, è necessario trovare il suo principio unitario, la finalità della natura, formulato dalla facoltà di giudizio riflettendo su se medesima e sulla propria esigenza di unità. Il giudizio riflettente può essere di tipo estetico, riguardante cioè la bellezza, e di tipo teleologico, o finalistico, riguardante cioè gli scopi della natura: entrambi si fondano sulla finalità, vale a dire su un rapporto di armonia e di accordo reciproco fra parti, e non hanno valore conoscitivo.

[Scheda di Adriano Virgili]

Brani antologici
Brani antologici: Che cos'è l'illumunismo?


Le opere di Kant si possono dividere in due gruppi principali: quelle appartenenti alla prima fase della sua produzione letteraria, che sono dette precritiche; e quelle appartenenti alla seconda fase della sua produzione, dette critiche.
Tra le opere precritiche, si ricordano:
-- Storia universale della natura e teoria del cielo (1755)
-- Monadologia fisica (1756)
-- Geografia fisica (1757)
-- Unico argomento possibile per una dimostrazione dell'esistenza di Dio (1763)
-- Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime (1764)
-- Sogni di un visionario spiegati con i sogni della metafisica (1766)

Tra le opere cosiddette critiche, si ricordano:
-- Critica della ragion pura (edita in due edizioni una nel 1781 ed una nel 1787) - E-book (leggi)
-- Prolegomeni ad ogni futura metafisica che voglia presentarsi come scienza (1783)
-- Fondazione della metafisica dei costumi (1785)
-- Princìpi metafisici della scienza della natura (1786)
-- Critica della ragion pratica (1788)
-- Critica del giudizio (1790)
-- Religione nei limiti della pura ragione (1793)
-- Metafisica dei costumi (1797)
-- Antropologia pragmatica (1798)


Manfred Kuehn, Kant. Una biografia, Il Mulino, Bologna, 2011

Otfried Höffe, Immanuel Kant, Il Mulino, Bologna, 2010

Aldo Rizzo, Leggere Kant, Marco Valerio, 2009

Otfried Höffe, Immanuel Kant, Il Mulino, Bologna, 2002

Maurizio Ferraris, Goodbye Kant! Cosa resta oggi della Critica della ragion pura, Bompiani, Milano, 2004

Filippo Gonnelli, Guida alla lettura della Critica alla ragion pratica di Kant, Laterza , Roma-Bari, 2004

Silvestro Marcucci, Guida alla lettura della «Critica della ragion pura» di Kant, Laterza, Bari, 2003

Matteo Guidotti, La concezione morale del mondo. Hegel critico dell'etica kantiana, CUSL, Milano, 2002

Beatrice Centi, Coscienza, etica e architettonica in Kant. Uno studio attraverso le critiche, Ist. Editoriali e Poligrafici, 2002

Teresa De Franco, Critica della soggettività trascendentale in Kant-Husserl. Husser'l Auseinandersetzungen mit Kant, Lacaita, 2002

Mario A. Cattaneo, Dignità umana e pace perpetua: Kant e la critica della politica, CEDAM, 2002

Martin Heidegger, Interpretazione fenomenologica della «Critica della ragion pura» di Kant, Mursia (Gruppo Editoriale), 2002

Anselmo Aportone - Francesco Aronadio - Paolo Spinicci, Il problema dell'intuizione. Tre studi su Platone, Kant e Husserl, Bibliopolis, 2002

M. Antonietta Pranteda, Il legno storto. I significati del male in Kant, Olschki, 2002

Vittorio De Palma, Il soggetto è l'esperienza. La critica di Husserl a Kant e il problema fenomenologico trascendentale, Quodlibet, 2002

Teresa De Franco, Critica della scienza nella geo-astrofisica di Immanuel Kant, Lacaita, 2001

Vittorio Perego, Finitezza e libertà. Heidegger interprete di Kant, Vita e Pensiero, 2001

Gererdo Cunico, Il millennio del filosofo: chiliasmo e teleologia morale in Kant, ETS, 2001

Sergio Landucci, Sull'etica di Kant, Guerini e Associati, 2001

G. Luigi Paltrinieri, L'uomo nel mondo. Libertà e cosa in sé nel pensiero di Immanuel Kant, Carocci, 2001

Riccardo Martinelli, Misurare l'anima. Filosofia e psicofisica da Kant a Carnap, Quodlibet, 1999

Fabrizio Sciacca, Il concetto di persona in Kant. Normatività e politica, Giuffrè, 2000

Giuseppe D'Alessandro, Kant e l'ermeneutica. La religione kantiana e gli inizi della sua recezione, Rubbettino, 2000

Moreno Stampa, Modalità e teoria dell'oggetto nell'«Analitica» di Kant, LED, 2000

Gilles Deleuze, La passione dell'immaginazione. L'idea di genesi nell'estetica di Kant, Mimesis, 2000

Alberto Pirni, Il regno dei fini in Kant, Il Nuovo Melangolo, 2000

Ermanno Bencivenga, La rivoluzione copernicana di Kant, Boringhieri, Torino, 2000

Mariannina Failla, Verità e saggezza in Kant. Un contributo all'analisi della logica e dell'antropologia, Franco Angeli, Milano, 2000

Alberto Burgio, Strutture e catastrofi. Kant Hegel Marx, Editori Riuniti, Roma, 2000

G. Tognini, Azione e fenomeno: la dottrina kantiana della libertà nelle interpretazioni anglosassoni, Pantograf, Genova, 1997

Antonio De Simone, Tra Gadamer e Kant. Verità ermeneutica e cultura estetica, Quattroventi, 1996

Raffaele Ciafardone, La Critica della ragion pura di Kant: introduzione alla lettura, NIS, Roma, 1996

Filippo Gonnelli, La filosofia politica di Kant, Laterza, Roma-Bari, 1996

Giulio Raio, Simbolismo tedesco: Kant Cassirer Szondi, Bibliopolis, Napoli, 1995

Ada Lamacchia, La formazione del criticismo nei primi scritti kantiani (1746-1770), Levante, Bari, 1995

Marco Ivaldi, La libertà e il problema del male in Kant, Mursia, Milano, 1990

Vittorio D'Anna, Kant in Italia. Letture della Critica alla ragion pura, 1860-1940, CLUEB, Bologna, 1990

Ada Lamacchia, Percorsi kantiani, Levante, Bari, 1990
8 studi su Kant.

Peter, F. Strawson, Saggio sulla Critica della ragion pura, Laterza, Bari, 1985

Roberta De Monticelli, Il problema dell'individuazione. Leibniz, Kant e la logica modale, Unicopli, Milano, 1984

E. Scribano, L'esistenza di Dio. Storia della prova ontologica da Descartes a Kant, Laterza, Bari, 1984

T. De Quincey, Gli ultimi giorni della vita di Immanuel Kant, Adelphi, Milano, 1983

Marcello Pera, Hume, Kant e l'induzione, Il Mulino, Bologna, 1982

Sergio Nelli, Determinismo e libero arbitrio da Cartesio a Kant, Loescher, Torino, 1982

Martin Heidegger, Kant e il problema della metafisica [1929], Laterza, Bari, 1981

Max Horkheimer, Kant: la critica del giudizio, Liguori, 1981

Augusto Illuminati, Kant politico, La Nuova Italia, Firenze, 1971


Siti per approfondimenti

Kant/Mondodomani
Esposizione sistematica dei diversi aspetti del pensiero di Kant.

Kant/Filosofico.net
Sezione di Filosofico.net dedicata alla vita e al pensiero di Kant.

Kant/Filosofiaedintorni
Pagina dedicata alla vita e al pensiero di Kant.

Kant/Cultura Nuova
Scheda sintetica sul pensiero di Kant.

Kant/Athens
Pagine sul pensiero di Kant.

Kant/Unimi
Sito del progetto "Kant in Italia", a cura del Dipartimento di Filosofia dell'Università degli Studi di Milano.

Studi Kantiani
Sito della rivista "Studi kantiani".

Kant/Uniba
Vita e pensiero di Immanuel Kant.

Kant/Giornaledifilosofia
Scheda biografica su Immanuel Kant.

Kant/Biblio-net
Vita e sintesi del pensiero di Kant.

Kant-01/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata alla metafisica di Kant.

Kant-02/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata all'estetica di Kant.

Kant-01/Digilander
Articolo su Kant: Daniele Albasini, "Una prospettiva sull'etica di Kant".

Kant-02/Digilander
Articolo su Kant: Daniele Albasini, "Kant e l’utopia ragionevole".

Kant-01/The Paideia Project
Articolo on line: Eduardo Shore, "Some Esential Points in Reading The Critique of Pure Reason".

Kant-02/The Paideia Project
Articolo on line: Toshio Kurozumi, "Kants Transzendentalpholosophie als die immanente".

Kant-03/The Paideia Project
Articolo on line: Robert Greenberg, "Kant's Categories Reconsidered".

Kant-04/The Paideia Project
Articolo on line: Andrew N. Carpenter, "Kant, the Body, and Knowledge".

Kant-05/The Paideia Project
Articolo on line: Juan Adolfo Bonaccini, "Concerning the Relationship Between Non-Spatiotemporality and Unknowability of Things in Themselves in Kant's Critique of Pure Reason".

Kant-06/The Paideia Project
Articolo on line: Károly Kókai, "What is Freedom?".

Kant-07/The Paideia Project
Articolo on line: Ronald L. Weed, "Rousseau and Kant on Envy".

Kant-08/The Paideia Project
Articolo on line: Daryl J. Wennemann, "The Role of Love in the Thought of Kant and Kierkegaard".

Kant-01/Hkbu.edu
Articolo on line: Stephen Palmquist, "Kant on Euclid: Geometry in Perspective".

Kant-02/Hkbu.edu
Articolo on line: Stephen Palmquist, "Kant's Theocentric Metaphysics".

Kant/Mondodomani
Articolo on line: Adriano Fabris, "Kant e il problema del senso. Un percorso attraverso metafore".

Kant-01/Boscoceduo
Articolo on line: Pietro Ratto, "Kant: senza l'immaginazione la rivoluzione è impossibile. Il ruolo dell'immaginazione nella Critica della Ragion Pura".

Kant-02/Boscoceduo
Articolo on line: Pietro Ratto, "Kant: la regola e la passione. Il ruolo dell'immaginazione nella Critica del Giudizio".

Kant/Sitosophia
Università degli studi di Catania (autori vari): "Sui paralogismi della ragion pura nella critica kantiana" (approfondimento per il corso di filosofia)