DAVID HUME

VITA
Filosofo inglese (Edimburgo 1711-1776). Attratto fin da giovanissimo dagli studi di filosofia e di erudizione storica, si recò in Francia dove rimase dal 1734 al 1737. Risale a questo periodo la composizione della sua prima e fondamentale opera, il Trattato sulla natura umana (1738). Rientrato in Inghilterra, pubblicò nel 1742 i Saggi morali e politici. Nel 1748 pubblicò le Ricerche sull'intelletto umano, nel 1751 le Ricerche sui principii della morale, e la Storia naturale della religione nel 1757. I dialoghi sulla religione naturale, composti vari anni prima, apparvero postumi nel 1779 a causa del loro dichiarato ateismo. Da ricordare, infine, la pubblicazione della Storia d'Inghilterra (1763).

PENSIERO
La filosofia di Hume rappresenta l'estremo sviluppo dell'empirismo inglese. La conoscenza non è innata ma sorge dall'esperienza. Hume nega sia la sostanza materiale sia quella spirituale, tutto riducendo a sensazione e stato di coscienza.
Queste percezioni si dividono, secondo Hume, in due classi, che si differenziano soltanto per la maggiore o minore vivacità con cui si presentano al soggetto: le impressioni e le idee, che sono la copia delle impressioni.
Quanto ai rapporti che legano tra loro le sensazioni da noi provate, cioè gli stati di coscienza, Hume li riduce, seguendo la linea tradizionale dell'empirismo, alle leggi dell'"associazionismo", cioè ai rapporti di somiglianza, di continguità nel tempo e nello spazio e, infine al rapporto di causa.
Il più importante risultato conseguito da Hume è la critica del concetto di causa. Che cosa può significare - si domanda Hume - l'affermazione che A è causa di B? Non certo che B sia dedotto e ricavato da A: perché in tal caso B dovrebbe essere già contenuto implicitamente in A e, quindi, identico ad esso, mentre sappiamo che l'effetto è sempre qualcosa di originale e di nuovo rispetto alla causa. Hume conclude che la legge di causa non è una vera e propria legge oggettiva ma è solo un abito della nostra mente, un "costume" suscitato dall'"abitudine". Nel corso dell'esperienza si forma in noi uno stato d'animo d'attesa il quale ci fa presumere che, osservando in futuro A saremo costretti a ritrovare sempre anche B. Questa attesa è perciò del tutto soggettiva e nulla garantisce che essa debba venire soddisfatta. Né la logica né l'esperienza, quindi, possono dimostrare il principio.di causa. Se una legge si è costantemente verificata nel passato, nulla ci assicura che la stessa legge sarà valida anche in futuro.
Conoscenze assolutamente certe o, per meglio dire, veramente universali e necessarie sono soltanto quelle della geometria, dell'algebra e dell'aritmetica: perché esse non riguardano realtà di fatto ma semplici operazioni mentali costruite con simboli convenzionali (i simboli matematici). Anche se non esistesse in natura neppure un circolo o un triangolo, le verità dimostrate da Euclide conserverebbero sempre la loro perfetta evidenza, perché esse non hanno niente a che fare con l'esistenza reale alla quale si riferiscono invece le impressioni sensibili. Esse sono verità di ragione e non verità di fatto. Costruite sul principio di identità e di non-contraddizione, esse non tollerano il contrario. Il contrario di un fatto è, invece, sempre possibile. Se io dico: il sole domani non sorgerà, questa proposizione è perfettamente intelligibile e altrettanto coerente quanto l'altra che afferma che il sole domani si leverà. Dimostrarne la falsità a priori è impossibile.
La tesi fondamentale di Hume, quindi, è che le leggi su cui si fondano le scienze, come la fisica, la chimica, ecc., sono soltanto "probabili". Il loro grado di verità è dato dal loro grado di probabilità, cioè dall'indice di frequenza statistica; perfettamente razionali sono solo quelle scienze che, come le matematiche, vertono esclusivamente sulle idee e sui rapporti formali senza coinvolgere in alcun modo il mondo dell'esperienza.
La vecchia metafisica ha scambiato per nessi oggettivi dei rapporti istituiti da noi sulla base dell'abitudine. Essa ha popolato il mondo di false entità o "essenze" per se stanti e indipendenti.
Ciò che ci salva dall'incertezza radicale, dalla paralisi del dubbio e dallo scetticismo indiscriminato è, secondo Hume, il sentimento naturale della "credenza", cioè quel sentimento che sorge in noi per la maggiore vivacità e immediatezza che hanno le impressioni dirette rispetto ai pensieri e alle idee. Ciò che ci salva, insomma, è la "certezza sensibile": una certezza che non possiamo generalizzare né tradurre in legge universale ma che, sul momento, è tuttavia imperiosa e forte come tutto ciò che si sia sperimentato di persona.
In conformità con questo atteggiamento antimetafisico, per Hume la vita morale non consiste in un agire conforme a ragione, giacché quest'ultima non è né morale né immorale, bensì nel dare libero corso a quel sentimento o istinto di simpatia e di socievolezza nel quale Hume ripone il senso più genuino dell'esperienza etica e sociale. La società nasce dal sentimento di simpatia che gli uomini provano naturalmente gli uni per gli altri. Il suo scopo è quello di armonizzare gli interessi individuali con quelli collettivi. Dal punto di vista della religione, data l'impossibilità di trascendere l'esperienza, Hume deduce che è impossibile dimostrare razionalmente l'esistenza di Dio. La religione non è, per Hume, un fatto di scienza, tutt'al più un fatto di natura.
[Per gentile concessione di Riflessioni.it]

-- Trattato sulla natura umana [1739-1740]

-- Saggi morali e politici [1741]

-- Ricerche sull'intelletto umano [1748]

-- Ricerche sui principi della morale [1751]

-- Discorsi politici [1752], Boringhieri, Torino, 1959

-- La rivoluzione scettica, Radar, Padova, 1971

-- Storia naturale della religione, Laterza, Bari, 1981

-- Le regole del gusto, Laterza, Bari, 1981



Antonio Santucci, Introduzione a Hume, Laterza, Bari, 1999

Anthony Quinton, Hume, Sansoni, Firenze, 1998

Franco Restaino, David Hume, Editori Riuniti, Roma, 1986

Mario Del Pra, David Hume: la vita e l'opera, Laterza, Bari, 1984

Lecaldano Eugenio, Hume e la nascita dell'etica contemporanea, Laterza, Bari, 2003

Alessandra Attanasio, Gli istinti della ragione. Cognizioni, motivazioni, azioni nel "Trattato della natura umana" di Hume, Bibliopolis, 2002

Gianluca Foglia, Immaginazione e natura umana. Studio sulla teoria della conoscenza di David Hume, Il Mulino, Bologna, 1998

Alberto Mura, Dal noto all'ignoto. Casualità e induzione nel pensiero di David Hume, ETS, Pisa, 1996

Bruno Celano, Dialettica della giustificazione pratica. Saggio sulla legge di Hume, Giappichelli, Torino, 1994

Tito Magri, Contratto e convenzione. Razionalità, obbligo e imparzialità in Hobbes e Hume, Feltrinelli, Milano, 1994

Mauro Magnati, David Hume. L'anatomia della religione. Religione e razionalità nel secolo dei lumi, Firenze Atheneum, Firenze, 1994

Alexius Meinong, Empirismo e nominalismo. Studi su Hume, Ponte della Grazie, Firenze, 1991

E. Lecaldano, Hume e la nascita dell'etica contemporanea, Laterza, Roma-Bari, 1991

Carlo Montaleone, L'io, la mente, la ragionevolezza. Saggio su David Hume, Bollati Boringhieiri, Torino, 1989

Rocco Donnici, Husserl e Hume. Per una fenomenologia della natura umana, Franco Angeli, Milano, 1989

Dario Castiglione, Dell'opinione. Riflessioni ai margini della teoria politica di DAvid Hume, ILA Palma, Palermo, 1988

Nadia Boccara, Felicità e saggezza. Saggio sull'etica di David Hume, Roma, 1987

Didier Deleule, Hume e la nascita del liberalismo economico, Istituto Enciclopedia Italiana, Roma, 1986

Gianluigi Palombella, Diritto e artificio in David Hume, Giuffrè, Milano, 1984

Luigi Turco, Lo scetticismo morale di David Hume, CLUEB, Bologna, 1984

Marialuisa Baldi, David Hume nel Settecento italiano: filosofia ed economia, La Nuova Italia, Firenze, 1983

Marcello Pera, Hume, Kant e l'induzione, Il Mulino, Bologna, 1982

Gilles Deleuze, Empirismo e soggettività. Saggio sulla natura umana secondo Hume, Cappelli, Bologna, 1981

Luigi Bagolini, David Hume e Adam Smith. Elementi per una ricerca di filosofia giuridica e politica, Patron, Padova, 1981

Alfred A. Ayer, Hume, Dall'Oglio, Milano, 1980

Flavio Baroncelli, Un inquietante filosofo perbene: saggio su David Hume, La Nuova Italia, Firenze, 1975

Ginacarlo Carabelli, Hume e la retorica dell'ideologia: uno studio dei Dialoghi sulla religione naturale, La Nuova Italia, Firenze, 1972

Ada Cappello, Hume, critico della ragione, Liguori, Napoli, 1969

Antonio Santucci, Sistema e ricerca in David Hume, Laterza, Bari, 1969

Stefania Mazzone, Passioni e artificio. Individuo e ordine sociale nella filosofia di David Hume, Franco Angeli, Milano, 1968

Luigi Bagolini, Esperienza giuridica e politica nel pensiero di David Hume, Giappichelli, Torino, 1967

Antonio Santucci, L'umanesimo scettico di David Hume, Zanichelli, Bologna, 1965

Filippo Brunetta, La questione della vera causa in David Hume, Patron, Padova, 1964

Silvana Castiglione, Giustizia e bene comune in David Hume, Giuffrè, Milano, 1963

Giuseppe Giarrizzo, David Hume politico e storico, Einaudi, Torino, 1962

Galvano della Volpe, La filosofia dell'esperienza di David Hume, Sansoni, Firenze

Giuseppe Bianca, La credenza come fondamento dell'attività pratica in Locke e Hume, CEDAM, Padova, 1950



Siti per approfondimenti:

Hume/HermesNet
Biografia e pensiero di Hume.

Hume/Filosofico.net
Vita, pensiero e opere di Hume.

Hume/EMSF.Rai
Pagina dell'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche (EMSF), dedicata a Hume, con breve biografia e brani antologici.

Hume/Geocities
Pagina dedicata a Hume.

Hume/Digilander
Breve sintesi del pensiero di David Hume.

DonatoRomano/Hume
Appunti sul pensiero di David Hume.

Humesociety
Sito ufficiale della Società internazionale di studi Humeani che si propone di promuovere lo studio del pensiero del filosofo inglese.

Hume/Stanford
Pagina della Stanford Encyclopedia of Philosophy dedicata alla vita e al pensiero di Hume.

Hume/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata alla vita e agli scritti di Hume.

Hume/SOS.Philosophie
Pagina dedicata alla vita e la pensiero di Hume.

Hume/CVM
Pagina dedicata a Hume.

Hume/Biografie on line
Breve scheda su Hume.

Hume-01/Univ.trieste
Articolo on line: Elvio Baccarini, "Scetticismo humeano e filosofia morale".

Hume-02/Univ.trieste
Articolo on line: Pierpaolo Marrone, "Hume: passioni, contenuto cognitivo, razionalità".

Hume/Animus
Articolo on line: Vance Maxwell, "The Great Connexion: Hume's Metaphysical Logic of Belief-Constructed Causation".

Hume-01/The Paideia Project
Articolo on line: Aaron Preston, "David Hume’s Treatment of Mind".

Hume-02/The Paideia Project
Articolo on line: Stanley Riukas, "Hume's Ontology of Personhood".

Hume-03/The Paideia Project
Articolo on line: Marcia L. Homiak, "Does Hume Have an Ethics of Virtue? Some Observations on Character and Reasoning in Hume and Aristotle". inglese

Hume-04/The Paideia Project
Articolo on line: Angela Calvo de Saavedra, "Imaginanacion y Conversacion: Artifices Del Punto De Vista Moral En David Hume". spagnolo

Hume-05/The Paideia Project
Articolo on line: James Fieser, "Hume's Wide Construal of the Virtues".

Hume-06/The Paideia Project
Articolo on line: Marek Pyka, "On Emotion and Value in David Hume and Max Scheler". inglese

Hume-07/The Paideia Project
Articolo on line: Jeremy Gallegos, "Hume on Revolution".

Hume/Giornaledifilosofia
Articolo on line: Paolo Castaldo, "La logoca esistenziale di Hume".