GLOSSARIO della SCUOLA (A-L)

Abilità trasversali
Abilità comuni a più discipline curricolari. Esse possono essere distinte in 3 gruppi principali: abilità cognitive, abilità affettive e abilità sociali. Tra le abilità cognitive sono da collocare la comprensione del linguaggio, la capacità di scrittura e quella di lettura, come pure l'acquisizione di metodo di studio; le abilità affettive sono legate alla sfera dei sentimenti; le abilità sociali sono quelle connesse con l'interazione con altri individui.

Andragogia
Termine che indica l'insegnamento agli adulti (che si contrappone a pedagogia, o insegnamento a bambini e ragazzi).
Secondo uno dei maggiori teorici del modello andragogico, l'americano Malcom Knowles, i principali elementi che distinguono l'andragogia dalla pedagogia possono essere sintetizzati nei seguenti punti:
1. L'apprendimento adulto si realizza compiutamente quando il soggetto avverte dentro di sé il bisogno di conoscere.
2. L'apprendimento adulto deve avere come base di partenza l'esperienza del soggetto.
3. L'educatore deve rispettare il concetto di sé e il bisogno di autonomia del discente.
4. L'apprendimento degli adulti fa riferimento alla vita reale.
5. Le motivazioni più importanti nell'apprendimento adulto sono quelle che hanno origine dall'interno, come il desiderio di una maggior soddisfazione nel lavoro, il bisogno di accrescere la propria autostima, l'aspirazione a migliorare la qualità della vita, ecc.

Area di approfondimento
Negli Istituti Professionali è costituita da 4 ore obbligatorie svolte all'interno del monte ore settimanali del triennio, che possono essere impiegate per l'accoglienza, gli interventi di motivazione e l'orientamento, per effettuare interventi didattici personalizzati, per il recupero e l'approfondimento di particolari competenze e conoscenze.

Area di indirizzo
L'insieme delle materie tipiche delle varie specializzazioni, finalizzate all'esercizio della futura professione.

Area di progetto
Progetto di ricerca multidisciplinare di ampiezza e durata variabili, strutturato nel corso del biennio di istruzione tecnica con il coinvolgimento di alcune o di tutte le discipline utilizzando una parte del monto ore annuale (comunque non superiore al 10%).

Autonomia scolastica
Termine che designa la possibilità offerta alle singole istituzioni scolastiche di organizzarsi autonomamente per realizzare una offerta formativa adeguata al territorio in cui sono collocate, tenendo conto anche delle esigenze delle famiglie e degli studenti.
Rispetto all'attività didattica, l'autonomia riguarda in particolar modo:
1) la facoltà di superare vincoli in materia di unità oraria della lezione, di unitarietà del gruppo classe (classi aperte), di modalità di impiego dei docenti, di distribuzione oraria delle attività;
2) la facoltà di scegliere le metodologie, gli strumenti e l'organizzazione dei tempi di insegnamento.
L'autonomia scolastica è regolata dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 275/1999.

Biennio
I primi due anni di Scuola Superiore, con molte materie comuni a diversi tipi di scuole.

Centri Territoriali Permanenti
Istituiti dal Ministero della P. I. insieme ai Comitati Provinciali, tramite i Provveditorati agli Studi (Ordinanza ministeriale n. 455 del 29 luglio 1997), si configurano come "luoghi di lettura dei bisogni, progettazione di certificazione, di attivazione e di governo delle iniziative di istruzione e formazione in età adulta, nonché di raccolta e diffusione della documentazione".
Finora, l'offerta formativa dei CTP ha riguardato principalmente due tipi di interventi: i corsi di istruzione, per il conseguimento di un titolo di studio e percorsi di alfabetizzazione funzionale per materie quali l'informatica, la lingua straniera e l'italiano per gli stranieri.

CFP
Abbreviazione di Centri di Formazione Professionale, strutture gestite dalla Regione, dai Comuni o da altri enti convenzionati con le Regioni, dove si svolgono corsi di formazione professionale, al termine dei quali viene rilasciato un attestato di qualifica professionale, di qualificazione, di specializzazione o di aggiornamento.

Classi aperte
Rispetto alle classi tradizionali, caratterizzate da un gruppo fisso di alunni, le classi aperte permettono di spezzare temporaneamente l'unità di tale gruppo, indirizzando gli alunni in classi diverse o appositamente progettate, tenendo conto delle conoscenze individuali maturate da ciascun alunno e dalle rispettive capacità di apprendimento.

Competenze
Insieme di risorse (conoscenze, abilità, attitudini) di cui un individuo deve disporre per poter essere inserito adeguatamente in un contesto lavorativo, e più in generale per affrontare il proprio sviluppo personale e professionale.

Consiglio di classe
Nelle scuole medie inferiori è composto da tutti i docenti della classe e da 4 rappresentanti dei genitori; è presieduto dal dirigente scolastico o da un docente facente parte del consiglio, da lui delegato.
Nelle scuole secondarie superiori, il consiglio di classe è composto da tutti i docenti della classe, da 2 rappresentanti dei genitori e 2 rappresentanti degli studenti; è presieduto dal dirigente scolastico o da un docente del consiglio da lui delegato.

Consiglio d'Istituto
Organo collegiale a livello di istituto, composto dai rappresentanti dei docenti, del personale ATA, dei genitori, degli alunni (solo per le scuole superiori) e dal Preside. Il Consiglio d'Istituto è dotato di autonomia amministrativa e ha, principalmente, il potere di deliberare, su proposta della Giunta Esecutiva, per ciò che riguarda l'organizzazione della vita e dell'attività della scuola, nei limiti delle disponibilità finanziarie.

Credito formativo
Attestazione di un percorso formativo che certifica l'acquisizione di una determinata abilità o conoscenza, che consente di svolgere solo alcuni moduli formativi per il raggiungimento di uno specifico obiettivo formativo.

Curricolo
Piano di studi proprio di ogni scuola. Nel rispetto del monte ore stabilito a livello nazionale, ogni istituzione scolastica compone il quadro unitario in cui sono indicate le discipline e le attività fondamentali stabilite a livello nazionale, quelle fondamentali alternative tra loro, quelle integrative e gli spazi di flessibilità.

Debito formativo
Valutazione data dal Consiglio di classe riguardante alunni che presentano carenze significative nella preparazione complessiva. Il debito formativo deve essere saldato mediante opportuni interventi didattici, educativi ed integrativi, all'inizio e/o nel corso dell'anno scolastico successivo.

Diploma di maturità
Titolo di studio rilasciato al termine del percorso di studi superiori, dopo aver superato l'esame di stato.

EDA
Abbreviazione di educazione degli adulti.

Esami d'idoneità
Prove scritte e orali strutturati per tutte le materie del corso, per i candidati che provengono da istituti o scuole non statali e non legalmente riconosciute, i quali si presentano per l'iscrizione a una classe o all'esame finale. Gli esami di idoneità si svolgono in due sessioni: a giungo e a settembre.

Esami di stato
Esami conclusivi che si sostengono al termine del corso di studi superiore, i quali danno accesso all'Università o al lavoro. Comprendono prove scritte e orali. Le prove scritte sono fissate dal Ministero della Pubblica Istruzione e sono uguali in tutta Italia per gli stessi tipi di istituti. Si compone di 3 prove scritte: le prime due, predisposte dal Ministero, la terza elaborata da ciascuna commissione d'esame:
Prima prova: analisi di un testo letterario, produzione di un breve saggio o di un articolo di taglio giornalistico.
Seconda prova: riguarda una materia che caratterizza il corso di studi.
Terza prova: verte su non più di 5 discipline; può consistere in una trattazione sintetica di non più di 5 argomenti, in risposte a questionari, in soluzione di problemi scientifici o nell'elaborazione di un progetto.

FIS
Abbreviazione di Formazione Integrata Superiore.

Formazione Integrata Superiore
Sistema che si propone di creare un'offerta formativa post-diploma in grado di rafforzare il rapporto tra la formazione professionale, l'istruzione scolastica post-diploma e i diplomi universitari, tenendo conto delle esigenze del mercato del lavoro. Si rivolge a giovani studenti e a lavoratori adulti in possesso di diploma di scuola media superiore; si propone di formare tecnici e professionisti qualificati nei settori dell'industria e dei servizi, attraverso l'integrazione tra formazione teorica e pratica, quest'ultima svolta per mezzo di tirocini assistiti da un tutor.

IFTS
Abbreviazione di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore: offerta formativa diretta a giovani e adulti, occupati e non occupati. Vi si accede dopo il conseguimento di un diploma di scuola secondaria superiore. I corsi IFTS sono istituiti con finanziamenti regionali e svolti all'interno degli stessi istituti superiori.

IPC
Abbreviazione di Istituto Professionale per il Commercio.

IPSIA
Abbreviazione di Istituto Professionale Statale per l'Industria e l'Artigianato.

IRRE
(Ex IRRSAE) Enti dell'amministrazione della Pubblica Istruzione, dotati di personalità giuridica e autonomia amministrativa e contabile, in base al DPR n. 190/2001, con il compito di offrire supporto alle istituzioni scolastiche e alla loro rete e consorzi. Tali funzioni consistono principalmente in attività di ricerca nell'ambito didattico-pedagogico e nell'ambito della formazione del personale scolastico.

Istituti Professionali
Si articolano in un triennio di qualifica e in successivo biennio post-qualifica (4° e 5° anno) che da accesso all'Università. Si articolano in settori e indirizzi: settore agrario (agrario, agroindustriale), settore industria e artigianato (economico-aziendale, edile, meccanico-termico, elettrico-elettronico, chimico-biologico, abbigliamento), settore servizi (turistico, pubblicità, servizi alberghieri, servizi sociali).

Istituti Tecnici
Tipologia di scuola superiore appartenente all'ordine tecnico. Dopo un biennio di base (uguale per tutti), nel triennio esiste una divisione in molti indirizzi e specializzazioni. I principali indirizzi sono i seguenti: commerciale, industriale (meccanico, elettrotecnico, elettronico, chimico, edile, tessile), geometra, agrario, nautico, turistico, attività sociali (ex Istituti tecnici femminili)

Istruzione Secondaria Superiore
Comprende i vari tipi di scuole superiori (licei, istituti tecnici, istituti professionali, istituto magistrale) i cui programmi di studio sono fissati dallo stato e che al termine, dopo un esame di stato, rilasciano un titolo di studio riconosciuto dallo stato.

ITC
Abbreviazione di Istituto Tecnico Commerciale.

ITF
Abbreviazione di Istituto Tecnico Femminile.