GLOSSARIO del LAVORO (M-Z)

Malattia professionale
Malattia contratta a causa delle mansioni lavorative svolte, manifestatasi durante il periodo di lavoro o insorta dopo la cessazione della lavorazione a rischio.
I lavoratori affetti da malattie professionali hanno diritto a ricevere gratuitamente tutte le cure fino alla completa guarigione, oltre ala indennità prevista.

Marchio
E' costituito da un simbolo, da un'immagine o da una denominazione che ha il compito di identificare i beni o i servizi di un'impresa e a distinguerli da quelli dei concorrenti.

Marketing
Attività che ha l'obiettivo di acquisire informazioni dettagliate sulla domanda e sull' offerta di determinati beni o servizi (attraverso indagini, ricerche, sondaggi), al fine di favorire il loro incontro.
L'attività di marketing passa attraverso l'individuazione delle tipologie degli utenti a cui il prodotto/servizio intende rivolgersi, le caratteristiche del prodotto/servizio stesso, la determinazione del prezzo/costo e le iniziative di promozione da intraprendere.

Mercato del lavoro
Luogo teorico dove s'incontrano le diverse tipologie delle domande e delle offerte di lavoro, le quali mettono in rapporto i datori di lavoro con chi è alla ricerca di un'occupazione.

Mobbing
Termine usato in ambito lavorativo per indicare una situazione di pressione psicologica esercitata da superiori, colleghi o subordinati nei confronti di uno o più lavoratori.
Le forme che esso può assumere sono diverse e vanno dalla semplice emarginazione alla diffusione di calunnie, dalle ripetute critiche agli insulti o minacce, dall'assegnazione di compiti dequalificanti alla svalutazione di fronte a colleghi, superiori o estranei, dalla privazione deliberata di informazioni riguardanti il lavoro al sabotaggio strisciante per impedire la corretta esecuzione del lavoro stesso.
[Siti sul mobbing: Antimobbing, Mobbing/UIL]

Non profit
Termine che indica le istituzioni costituite con lo scopo di produrre beni o servizi, senza finalità di profitto o altro guadagno di tipo finanziario.
Questo non significa che dalle attività non profit non possa derivare un reddito per chi vi lavora, purché questo non avvenga sotto forma di distribuzione degli utili.

Offerta di lavoro
Nel linguaggio economico (e per analogia, in quello che riguarda il mercato del lavoro), ci si riferisce con questa espressione all'insieme dei soggetti che "offrono" lavoro sul mercato, cercando occupazione. L'insieme delle richieste provenienti dalle imprese che offrono posti di lavoro si definisce invece domanda di lavoro.

Oneri sociali
Insieme dei versamenti obbligatori per la gestione previdenziale, quali quelli per gli infortuni, per il trattamento di malattia, per la pensione.

ONG
Organizzazioni Non Governative (private), senza scopo di lucro, che perseguono fini di interesse generale (umanitario, politico, religioso).
[Per saperne di più vai al sito Ong.it]

ONLUS
Abbreviazione di Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale, organizzazioni appartenenti al terzo settore in posssesso dei seguenti requisiti: natura privatistica dell'ente, divieto di distribuire utili, perseguimento di fini solidaristici.
Possono essere ONLUS: le organizzazioni di volontariato, costituite da soci volontari che prestano gratuitamente la lro opera; gli organismi non profit, costituiti sul modelle delle imprese; le cooperative sociali (tipo A e tipo B); le organizzazioni non governative (ONG).

Orientamento professionale
Insieme coerente di iniziative, di azioni formative e informative, di consulenze e di assistenza che ha la funzione di accompagnare una aspirante lavoratore nella costruzione di un progetto professionale personalizzato.
L'orientamento professionale si propone, in altre parole, di definire con chiarezza le proprie capacità, competenze e aspirazioni professionali, in modo da individuare il tipo di attività lavorativa maggiormente soddisfacente.
[Per saperne di più, visita i siti recensiti nella nostra pagina Orientamento]

Outplacement
Servizio, posto in atto da un'azienda nei confronti di dipendenti considerati in esubero.
Tale servizio ha lo scopo di risolvere il rapporto di lavoro senza traumi e senza ripercussioni legali, individuando un'adeguata collocazione del lavoratore in un'altra azienda.

Outsourcing
Termine anglosassone che indica la possibilità di un'azienda di affidarsi a società esterne per gestire determinati servizi interni (amministrazione, servizi commerciali, servizi informatici, gestione magazzino, call center, ecc.), con la garanzia che il servizio è strutturato e personalizzato secondo le necessità dell'azienda.

Part-time
Tipologia di lavoro che può essere utilizzata sia in rapporti di lavoro a tempo determinato, che in quelli a tempo indeterminato.
Il trattamento economico viene calcolato in proporzione all'orario di lavoro. Non è consentito il lavoro straordinario. Nel caso in cui l'azienda proceda a nuove assunzioni a tempo pieno, i lavoratori a part-time hanno il diritto di precedenza. [Per saperne di più]

Parti sociali
Insieme di associazioni che rappresentano il mondo delle imprese e delle organizzazioni dei lavoratori coinvolte, da parte delle istituzioni pubbliche, in processi di consultazione, negoziazione e concertazione su determinate materie.

Patto territoriale
È un accordo, promosso da enti locali, parti sociali o da altri soggetti pubblici o privati operanti su un dato territorio che si propone di attuare un programma di interventi caratterizzato da specifici obiettivi di promozione dello sviluppo locale. [Prospetto dei patti territoriali italiani]

Pensione di anzianità
Trattamento pensionistico a cui ha diritto il dipendnete, in caso di risoluzione anticipata del rapporto di lavoro, solo a condizione che abbia maturato i previsti requisiti contributivi e anagrafici.

Pensione di inabilità
Pensione a cui ha diritto il lavoratore assicurato o titolare di assegno di invalidità con decorrenza successiva al 1° luglio 1984, il quale, a causa di infermità o difetto fisico, è impossibilitato in maniera permanente a svolgere una qualsiasi attività lavorativa.

Pensione di reversibilità
Tipo di pensione che spetta ai superstiti di pensionato (ad esempio, coniuge). I superstiti, aventi diritto alla pensione di reversibilità o indiretta, vengono stabiliti dalla normativa pensionistica che non ha alcun rapporto con la normativa sull'eredità.

Pensione di vecchiaia
Pensione che, in presenza della richiesta anzianità contributiva, spetta al compimento dell'età prevista per tale pensione (in generale, 60 anni per le donne e 65 per gli uomini).

Pensione integrativa
Prestazione aggiuntiva, rispetto a quella obbligatoria, che il lavoratore si costruisce nei fondi pensione privati mediante la costituzione di una posizione previdenziale individuale.

Piano d'impresa
Chiamato anche progetto di fattibilità, è un documento di pianificazione complessiva nel quale viene descritta l'idea imprenditoriale al fine di permettere una valutazione oggettiva. Esso definisce strutture, obiettivi e modalità di realizzazione di una data attività imprenditoriale, analizzando nei dettagli la fase di avvio, gli sviluppi previsti, fino a giungere alla condizione di regime.

Placement
Termine inglese che indica l'attività di collocamento, ossia l'inserimento in un contesto lavorativo.

PMI
Abbreviazione di Piccole e Medie Aziende, imprese indipendenti con un numero ridotto di dipendenti.
Nella definizione data dall'Unione Europea, un'azienda, per essere classificata tra le PMI, non deve avere più di 250 dipendenti, un fatturato annuo non superiore ai 40 milioni di euro e un bilancio complessivo non superiore ai 27 milioni di euro.
[Visita il sito della Confapi, la Confederazione Italiana delle Piccole e Medie Imprese]

Prestazione occasionale d'opera
Con questo tipo di contratto, il lavoratore si impegna a fornire al committente un'opera o un servizio, senza alcun vincolo di subordinazione e in totale autonomia organizzativa e operativa, utilizzando mezzi e attrezzature proprie. Questa prestazione si definisce occasionale, poiché viene svolta da lavoratore una volta sola, nel senso che il committente non utilizzerà lo stesso lavoratore per prestazione analoghe. L'unicità della prestazione non implica necessariamente che essa non possa essere prolungata nel tempo.

Prestito d'onore
Contributo statale concesso in base alla Legge 608/1996 allo scopo di incentivare nuove iniziative imprenditoriali. Caratteristica del prestito è che esso non necessita di garanzie personali. Ciò che si richiede è la presentazione di un'idea imprenditoriale valida, oltre che il possesso di alcuni requisiti (maggiore età, stato di disoccupazione da almeno 6 mesi, residenza dal 1° gennaio 2000 nei territori di applicazione della normativa).
Notizie più dettagliate sul prestito d'onore sono reperibili su: Opportunitalia, Europalavoro, Comune Jesi.

Progetto di fattibilità
Vedi piano d'impresa.

Qualifica professionale
Attestazione formale che viene rilasciata in base all'art. 14 della Legge 845/1978 a coloro che hanno frequentato i corsi di formazione professionale che superano le prove finali di esame. L'attestato di specializzazione è un attestato di qualifica che si acquisisce dopo la partecipazione a corsi finalizzati ad approfondire professionalità in settori tecnologicamente avanzati.
Tali attestazioni, indicanti ognuna le qualifiche oggetto del corso, permettono l'avviamento al lavoro, l'inquadramento aziendale e, dove richiesto, l'ammissione a concorsi pubblici.

Riqualificazione
Acquisizione di nuove capacità professionali o approfondimento di quelle già possedute, maturate in ambito lavorativo o attraverso specifici corsi di formazione professionale. Le attività di formazione diretta a migliorare o aggiornare le competenze dei lavoratori rientrano negli interventi di formazione continua.

Sincert
Sigla di Sistema Nazionale per l'Accreditamento degli Organismi di Certificazione: ente che stabilisce i modi di valutazione degli organismi autorizzati alla certificazione di qualità.
[Sito del Sincert]

Skill shortage
Termine inglese usato per indicare la carenza di professionisti in un determinato settore, con speciale riferimento al comparto ICT.

Sportello unico
Strumento creato dai Comuni, in attuazione alla disciplina per il decentramento di compiti e funzioni a Regioni ed enti locali (Legge 59/1997, art. 20, Bassanini; D. Lgs. 112/1998, art. 25).
Attraverso lo sportello unico vengono unificate, in un solo procedimento, tutte le autorizzazioni necessarie per l'avvio di un'impresa.
In tal modo, l'imprenditore non è più costretto ad affrontare una lunga trafila tra enti e amministrazioni locali, dagli esiti spesso incerti, ma tratta con un unico interlocutore (lo sportello, appunto), presso cui svolge tutte le pratiche richieste.
[Ulteriori approfondimenti nel sito Sportellounico]

Stage
Detto anche tirocinio formativo, consiste in un periodo di formazione pratica presso un'azienda. Lo stage, per molti giovani appena usciti dalla scuola o dall'università, costituisce un valido strumento per accrescere la conoscenza del mondo del lavoro e per arricchire la propria professionalità. [Per saperne di più]

Statuto dei lavoratori
Legge n. 300/1970, che recepisce ed attua le norme costituzionali in materia di lavoro. Lo Statuto del lavoratori rappresenta il testo fondamentale che regola i rapporti di lavoro, nell'ottica di tutelare soprattutto i diritti e le libertà dei lavoratori. [Testo completo della Legge]

Tasso di disoccupazione
E' costituito dal rapporto percentuale tra le persone alla ricerca di un'occupazione e la forza lavoro.

Telelavoro
Modalità flessibile di prestazione lavorativa, svolta a distanza dalla ordinaria sede aziendale, utilizzando mezzi informatici e di telecomunicazione per mantenere il contatto con il datore di lavoro.
Questo tipo di lavoro può essere svolto sia da lavoratori dipendenti che da lavoratori autonomi, all'interno di un'ampia gamma di professioni o mestieri. La postazione di lavoro può essere collocata in qualsiasi luogo, purché si abbia a disposizione la strumentazione necessaria, ovvero un telefono, un computer corredato di modem, ed eventualmente un fax.

Tempo determinato
Tipo di contratto di lavoro nel quale la data di scadenza viene stabilita all'atto della stipula del contratto stesso.
Si tratta di un contratto utilizzabile solo in casi particolari, e precisamente: per sostituire una persona temporaneamente assente (malattia, maternità, aspettativa), per lavori stagionali, per realizzare opere di carattere straordinario, quando si tratta di lavoratori in liste di mobilità.
Il lavoratore con contratto a tempo determinato ha diritto allo stesso trattamento economico riservato a dipendenti a tempo indeterminato.

Tempo indeterminato
Costituisce il contratto base, "tipico" (in contrapposizione ad altri tipi di contratti definiti "atipici").
Non prevede una scadenza, assicurando così al dipendente una maggiore stabilità e sicurezza rispetto ad altre forme di contratto.
L'assunzione a tempo indeterminato è regolata dai cosiddetti "contratti nazionali di categoria", che fissano diritti e doveri all'interno di tutte le aziende di un determinato settore.
In caso di risoluzione del contratto, indipendentemente dal motivo, il lavoratore ha diritto a percepire il TFR.

Terzo settore
Fanno parte del terzo settore (gli altri due sono rappresentati dallo Stato e dal mercato) tutti quegli organismi ed enti senza fini di lucro che hanno natura giuridica privata; non possono distribuire utili a soci, membri o dipendenti; si avvalgono di prestazioni di lavoro volontario.
Appartengono al terzo settore le ONG, le ONLUS, le cooperative sociali e le associazioni di volontariato. [Approfondimenti alla pagina Terzo settore].

Test attitudinale
Prova scritta costituita da gruppi di domande a risposta multipla utilizzate per la valutazione delle capacità potenziali possedute da un determinato soggetto. Dette prove si usano sia all'interno della scuola, nell'ambito della scelta del tipo di scuola superiore o della facoltà universitaria, sia per avere utili indicazioni nella fase di orientamento professionale. In quest'ultimo caso, i test valutano le potenzialità dell'individuo a svolgere una determinata attività.

Tirocinio formativo
Vedi Stage

Trattamento di fine rapporto
Indennità che il datore di lavoro deve corrispondere a ogni dipendente all'atto della cessazione del rapporto di lavoro. Essa è proporzionale agli anni di servizio prestato e alla retribuzione percepita.
Nelle intenzioni del legislatore tale trattamento costituisce un compenso differito, con lo scopo di sostenere il lavoratore di fronte al venir meno della retribuzione.

TFR vedi Trattamento di fine rapporto

UNI
Sigla dell'UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione), ente per la normazione che recepisce ed attua a livello nazionale la normativa internazionale riguardo alla certificazione di qualità; stabilisce le procedure per la gestione della qualità e la loro applicazione e descrive le sequenze di azioni per l'efficace funzionamento dei processi e dei loro risultati.
[Norme da osservare da parte delle diverse tipologie di aziende: sito dell'UNI]