GLOSSARIO del LAVORO (A-L)

Agevolazioni fiscali
Misure destinate a ridurre il carico fiscale degli operatori economici, come: crediti d'imposta, riduzioni fiscali, esenzioni.

Ammortizzatori sociali
Insieme degli strumenti di sostegno del reddito da lavoro, quando esso non viene percepito, o viene percepito in maniera ridotta, a causa della sospensione dell'attività o di un suo svolgimento a orario ridotto.
Sono considerati ammortizzatori sociali: la cassa integrazione, l'indennità di mobilità e l'indennità di disoccupazione.

Anno sabbatico
Periodo non retribuito che può essere richiesto per accrescere le proprie competenze professionali dai lavoratori che abbiano maturato un'anzianità di servizio di almeno 5 anni. Il datore di lavoro non è obbligato alla concessione dell'anno sabbatico: il motivo più ovvio del rifiuto è quello di esigenze organizzative che richiedono la presenza in azienda del lavoratore.
E' bene ricordare che l'anno sabbatico non gode di alcuna copertura previdenziale e non può essere cumulato con le ferie, la malattia e altre forme di congedo (ad esempio, maternità o paternità).

Anzianità contributiva
Termine che indica la somma dei periodi di tempo che risultano coperti dalla contribuzione ai fini pensionistici.

Apprendistato
Rapporto di lavoro con cui un datore di lavoro si impegna a formare l'apprendista fino a farlo diventare un lavoratore qualificato, occupandolo in attività lavorative.
Nel D.lgs n. 276/2003 vengono distinti tra tipi di contratto di apprendistato:
- Apprendistato per l'espletamento del diritto/dovere di istruzione e formazione. E' riservato agli studenti con almeno 15 anni di età, ha durata non superiore ai 3 anni ed è finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale.
- Apprendistato per il conseguimento di una qualifica attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico-professionale. Il monte ore di formazione all'interno di tale percorso non può essere inferiore a 120 ore annue e la formazione effettuata va registrata nel libretto formativo. Riguarda i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni.
- Apprendistato diretto all'acquisizione di un diploma o all'alta formazione. Può essere attivato per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni per il conseguimento di un titolo secondario o di alta formazione. [Approfondimento interno Apprendistato]

Assegni familiari
Prestazione istituita per sostenere le famiglie dei lavoratori dipendenti i cui redditi siano al di sotto di determinate fasce di reddito, stabilite annualmente per legge.
Il diritto all'assegno e il relativo importo è legato all'entità della retribuzione e del numero dei componenti del nucleo familiare.
Il nucleo familiare si intende composto dai coniugi (purché non legalmente separati), dai figli di età inferiore ai 18 anni, o senza limiti di età qualora essi non siano in grado di svolgere attività lavorative, per infermità o difetti fisici. Alle stesse condizioni, si considerano parte del nucleo familiare anche fratelli, sorelle e nipoti orfani di entrambe i genitori e che non godano di trattamenti pensionistici.

Assegno di invalidità
Prestazione a cui può aver diritto il lavoratore la cui capacità lavorativa sia ridotta in modo permanente a meno di 1/3 a causa di infermità o difetto fisico o mentale.

Associazioni di categoria
Associazioni tra imprenditori coostituite con il fine di rappresentare e tutelare i rispettivi interessi e fornire servizi collettivi. Le diverse associazioni si distinguono soprattutto in base al settore economico di appartenenza, alla dimensione e alla forma societaria delle imprese aderenti.
Le principali associazioni di categoria sono:
- Confindustria, associa le imprese industriali di grandi dimensioni
- Confapi, associa le piccole e medie imprese (PMI)
- Confcommercio, Associa imprese commerciali e turistiche
- Confesercenti, altra associazione di imprese commerciali e turistiche
- CNA (Confederazione Nazionali dell'Artigianato), associa imprese artigiane
- ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), associa imprese edili
- Confagricoltura, associa agricoltori ed imprese agricole
- Coldiretti, associa agricoltori ed imprese agricole
- Assicredito, associa imprese del settore creditizio
- Confetra, associa le imprese di trasporto

Autoimpiego
Forma di lavoro non dipendente che può essere attuata attraverso la creazione di microimprese, la libera professione o altre forme di lavoro autonomo nel settore dei servizi.

Business plan
Vedi piano d'impresa.

Camere di commercio
Organismi di tipo economico che hanno funzioni di rappresentanza, consulenza e difesa degli interessi delle diverse categorie economiche (industriali, commercianti, artigiani, agricoltori).
Le Camere di commercio svolgono inoltre importanti ruoli di carattere amministrativo come, ad esempio, la tenuta del registro delle ditte ed il rilascio dei relativi certificati.
[ Portale delle Camere di Commercio ]

Cassa integrazione
Istituto che ha la funzione di integrare i guadagni dei lavoratori per le ore non lavorate a causa di una riduzione dell'orario di lavoro normale o di sospensione del lavoro.
Sono previsti due tipi di intervento:
a) ordinario: si applica in situazioni di sospensione a breve termine, non imputabili all'imprenditore o ai lavoratori, oppure per temporanee difficoltà di mercato;
b) straordinario: si applica per cause più complesse e per periodi più lunghi: crisi aziendale, fallimento, ristrutturazione, riorganizzazione aziendale, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria.

Categorie protette
Vengono definite categorie protette le tipologie di persone che rientrano nelle seguenti classi: invalidi civili, del lavoro (per infortunio o malattie professionali) e di guerra; profughi, vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

CCNL
Abbreviazione di Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro: accordi stipuòati tra organizzazioni sindacali e associazioni dei datori di lavoro, aggiornati periodicamente, i quali fissano le condizioni, economiche ed organizzative, in cui si svolge l'attività lavorativa in un determinato settore.
[ Per consultare l'Archivio Nazionale dei Contratti Collettivi di Lavoro vai al sito del CNEL ]

Certificazione di qualità
Attestazione formale delle conformità rispetto a standard stabiliti a livello internazionale per la garanzia della qualità dei prodotti e dei processi.
La certificazione di qualità viene rilasciata da un ente di certificazione accreditato, una volta accertato l'effettivo possesso dei requisiti previsti dalla normativa ISO e adottata dall'UNI.
La certificazione serve per accreditarsi nelle gare pubbliche (dove spesso costituisce un requisito indispensabile) e favorisce l'export perché è riconosciuta ovunque nel mondo.
[ Informazioni e iter da seguire per ottenere la certificazione su Qualità/Technapoli ]

CNEL
Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, organo di consulenza del Parlamento e del Governo: contribuisce alla elaborazione delle leggi economiche e sociali secondo i principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge. [Sito del CNEL]

Collocamento obbligatorio
Il collocamento obbligatorio si riferisce all'obbligo di assunzione da parte dei datori di lavoro (imprese al di sopra dei 15 dipendenti) di una certa percentuale di addetti appartenenti alle cosiddette categorie protette.

Colloquio di lavoro
L'incontro di una persona che è alla ricerca di un'occupazione con un rappresentante (selezionatore, capo del personale, titolare) dell'azienda che ha bisogno di personale per completare il proprio organico.
Il colloquio avviene sempre per appuntamento ed è finalizzato a valutare se il candidato sia in possesso dei requisiti adatti per ricoprire un determinato ruolo professionale all'interno dell'azienda. [Per approfondire l'argomento clicca qui]

Competenze
Insieme di risorse (conoscenze, attitudini, abilità) di cui un soggetto deve essere dotato per affrontare adeguatamente l'inserimento in un contesto lavorativo, e più in generale, per contribuire al proprio sviluppo professionale e personale. Le competenze possono essere distinte in competenze di base e in competenze trasversali.

Competenze di base
Insieme di conoscenze e di abilità riconosciute necessarie per accedere a corsi di formazione professionale.

Competenze trasversali
Abilità cognitive e relazionali comuni a più contesti lavorativi, che possono quindi essere trasferite agevolmente da una attività professionale a un'altra.

Concertazione
Attività con cui Governo e parti sociali, dopo aver concordato obiettivi comuni, cercano di trovare le modalità e gli strumenti più idonei per attuarli.

Contratti atipici
Non esiste una delimitazione univoca delle tipologie di lavoro che rientrano nei contratti atipici. Per alcuni, in questi contrati rientrerebbero soltanto i contratti di collaborazione (collaborazione coordinata e continuata e prestazione occasionale); per altri, la definizione di atipico si estenderebbe a tutte le tipologie che si differenziano dall'unica forma veramente "tipica" di lavoro, ovvero quella a tempo indeterminato, comprendendo quindi anche l'interinale, l'apprendistato, il contratto di inserimento, lo job sharing, e persino i lavori socialmente utili e i PIP.
[ Siti di riferimento Atipici.it e Atipici/Flashgiovani ]

Contratto d'area
Strumento operativo, concordato tra amministrazioni locali, parti sociali e altri eventuali soggetti, per realizzare azioni miranti ad accelerare lo sviluppo e l'incremento dell'occupazione in territori ben definiti, situati in aree di crisi.

Contratto di collaborazione
Detto anche contratto parasubordinato, perché non instaura un rapporto di lavoro dipendente, bensì una forma di prestazione professionale con modalità, durata e compenso stabiliti dal contratto stesso che viene stipulato tra le parti. Questa tipologia comprende la collaborazione coordinata e continuata e la prestazione occasionale.
In entrambi i casi non è necessario aprire la partita IVA o iscriversi ad albi professionali.

Contratto di inserimento
Contratto che nel decreto attuativo della riforma Biagi (D.lgs 276/2003) viene a sostituire il vecchio contratto di formazione lavoro ed è finalizzato all'inserimento al lavoro di particolari categorie di lavoratori attraverso un progetto personalizzato che miri ad adeguare le competenze professionali del lavoratore al contesto lavorativo.
[Per saperne di più clicca qui]

Contratto di solidarietà
Contratto che viene stipulato per evitare licenziamenti quando un'azienda ha un'eccedenza di personale. Tale contratto prevede una riduzione dell'orario di lavoro per tutti i dipendenti, che godranno di un integrazione salariale a carico dello Stato per compensare parzialmente la perdita economica derivante dal minor numero di ore lavorate.
[Per saperne di più clicca qui]

Cooperativa
Società formata da almeno 9 persone (5 in alcuni casi) aventi uno scopo mutualistico, che consiste non nel conseguire un profitto, bensì nell'assicurare ai soci il lavoro, beni di consumo (cooperative di consumo) o servizi a condizioni migliori e più convenienti.

Cooperativa sociale
Tipo particolare di cooperativa, per la quale sono previste particolari agevolazioni e sgravi fiscali (Legge 381/1991), che differisce dalle cooperative ordinarie per il fatto che il suo scopo sociale non è solo quello di soddisfare i bisogni dei soci, bensì quello di rispondere all'interesse generale della collettività.
Le cooperative sociali possono essere di due tipi:
- Tipo A, quelle che forniscono servizi socio-sanitari ed educativi (utilizzano soci lavoratori e soci volontari);
- Tipo B, che hanno la finalità di inserire al lavoro persone svantaggiate (invalidi, tossicodipendenti, minori, condannati ammessi a misure alternative alla detenzione...).
Delle cooperative sociali possono quindi far parte tre tipi di soci:
1. soci lavoratori: quelli che partecipano all'attività della cooperativa svolgendo la normale attività lavorativa;
2. soci volontari: soci che prestano la propria opera a titolo gratuito, per fini di solidarietà;
3. soci lavoratori disagiati (appartenenti a categorie di soggetti svantaggiati): operano all'interno della cooperativa soddisfacendo due bisogni: quello di disporre di un'occupazione remunerata e quello dell'inserimento sociale.

Curriculum vitae
Documento redatto da chi è alla ricerca di un'occupazione per essere inviato a un potenziale datore di lavoro. Sul curriculum vanno indicate le informazioni utili per un'adeguata valutazione da parte dei responsabili aziendali riguardo alle caratteristiche personali del candidato e alle sue capacità professionali. [Per approfondire l'argomento clicca qui]

Disoccupato
Persona alla ricerca di un lavoro, avendo perduto una precedente occupazione. Un disoccupato si definisce di lunga durata (LD), se il suo stato di disoccupazione dura da almeno 12 mesi.

Domanda di lavoro
E' costituita dall'insieme delle richieste di lavoratori espresso dai datori di lavoro, privati e pubblici. Rappresenta, in altre parole, il totale dei posti di lavoro che occorrono in un dato momento nei diversi settori e comparti economici e produttivi.

E-commerce
Termine inglese che indica il commercio elettronico, ossia la possibilità di acquistare direttamente in rete prodotti e servizi, utilizzando carta di credito o altre forme di pagamento.

Fondo Sociale Europeo
E' il principale strumento finanziario comunitario di politica sociale. Il Fondo integra gli interventi attuati dagli Stati membri definiti sulla base di programmi (programmi operativi) concordati tra la Commissione Europea e gli Stati stessi.
Sinteticamente, il FSE si pone come finalità principali:
- sviluppare le politiche attive del lavoro per combattere la disoccupazione, aiutando l'inserimento dei giovani nella vita professionale.
- promuovere le pari opportunità
- migliorare la formazione professionale, l'istruzione e l'orientamento.

Formazione continua
In ambito professionale, la formazione continua si riferisce alla possibilità per un individuo di intraprendere un percorso formativo che inizi dall'apprendimento dalle conoscenze e dalle competenze di base relative a una data professione, e che prosegua dopo l'inserimento lavorativo mediante formazione sul lavoro (affiancamento, alternanza tra momenti di lavoro e momenti di formazione), stage, corsi di formazione veri e propri.
Spesso la formazione continua viene intesa come intervento di adeguamento professionale rivolto a lavoratori minacciati dalla disoccupazione, in cassa integrazione o in mobilità, o anche a lavoratori con professionalità obsolete a causa delle trasformazioni industriali e dell'evoluzione dei sistemi produttivi.

Formazione permanente
Tipo di formazione rivolta a lavoratori adulti, considerati soggetti a rischio esclusione a causa del loro basso livello di scolarizzazione o per il fatto che le loro competenze professionali sono obsolete e sono state dimenticate per il mancato utilizzo nel tempo.

Formazione professionale
Processo di apprendimento finalizzato a far acquisire al soggetto a cui è rivolta l'azione formativa conoscenze e competenze necessarie a svolgere determinate prestazioni lavorative.

Forza lavoro
Rappresenta l'insieme delle persone occupate e da quelle in cerca di occupazione.

Franchisee
In un contratto di franchising, il franchisee (affiliato) è l'imprenditore che accetta di avviare un'attività attraverso una collaborazione della durata di alcuni anni con un'azienda (franchisor o affiliante).

Franchising
Forma di collaborazione tra un'azienda e un imprenditore indipendente per la distribuzione di beni e/o servizi. Il franchisor, ovvero l'azienda, concede al franchisee di usare il suo marchio, la sua formula commerciale e il suo know how, in cambio di una fee d'ingresso e di una percentuale (royalty) sul fatturato.
[Approfondimento interno]

Franchisor
Il franchisor (o affiliante) è l'azienda che ha realizzato un progetto di franchising e lo propone a imprenditori che, firmando un contratto di affiliazione, accettano di svilupparlo in una determinato area del mercato, secondo criteri e modalità concordate.

Giusta causa
Licenziamento del lavoratore da parte del suo datore di lavoro che fa seguito a una grave violazione del lavoratore dei propri doveri contrattuali (es., furto o danneggiamento volontario di impianti).

Giustificato motivo
Licenziamento del lavoratore da parte del suo datore di lavoro determinato da fattori che non dipendono né dal primo, né dal secondo (es., crisi aziendale o chiusura di un'attività dell'impresa).

Imprenditoria femminile
Iniziative imprenditoriali promosse da imprese individuali gestite da donne, società o cooperative i cui soci siano costituiti per almeno il 60% da donne.

Imprenditoria giovanile
La distinzione fa riferimento a normative specifiche, dirette a favorire iniziative imprenditoriali promosse da giovani in aree economicamente svantaggiate del Paese.
Per maggiori informazioni visitare il sito: Sviluppo Italia.

INAIL
Istituto Nazionale Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro, ente che si occupa della prevenzione dell'infortunistica sui luoghi di lavoro e dell'assicurazione dei lavoratori a rischio.
[Sito dell'INAIL]

Indennità di disoccupazione
Indennità a cui ha diritto qualsiasi lavoratore licenziato da imprese private o enti pubblici.

Indennità di malattia
Prestazione economica che sostituisce la retribuzione percepita dai lavoratori dipendenti, privati e pubblici, durante le assenze per malattia.
Il lavoratore che si ammala ha l'obbligo di comunicare lo stato di malattia mediante l'invio del certificato medico all'INPS e al datore di lavoro entro due giorni, indicando l'indirizzo dove potrà essere reperito per eventuali visite di controllo. E' tenuto inoltre ad essere presente, all'indirizzo indicato, per tutta la durata della malattia nelle fascie orarie previste dalla legge (dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19) compresi il sabato e la domenica.

Informagiovani
Strutture convenzionate con i Comuni, che svolgono la funzione di orientare i giovani alla scelta professionale, ai corsi di laurea, stage o corsi di formazione professionale. In ogni sede sono esposte bacheche con offerte di lavoro aggiornate, notizie su concorsi pubblici, borse di studio, stage, appuntamenti culturali, possibilità di scambi culturali con l'estero, attività sportive.
[Indirizzi degli Informagiovani italiani]

Infortunio sul lavoro
Incidente verificatosi per causa violenta e per motivi di lavoro dal quale derivi la morte o invalidità permanente o temporanea.
La denuncia di infortunio deve essere fatta sia dal dipendente che da datore di lavoro nei modi e nei tempi stabiliti dalla normativa.
I lavoratori infortunati hanno diritto ad avere grutitamente tutte le cure fino alla completa guarigione, oltre alle indennità previste.

Inoccupato
Persona alla ricerca di prima occupazione, non avendo mai svolto alcuna attività lavorativa.

INPS
Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, il più importante ente di previdenza pubblica il cui compito è di erogare le pensioni (di vecchiaia, di invalidità, pensioni sociali); le indennità di malattia o di maternità; le indennità di disoccupazione, mobilità e cassa integrazione.
[ Sito dell'INPS ]

Interinale (lavoro)
Forma di lavoro atipica in cui un lavoratore viene assunto temporaneamente da un'apposita agenzia (agenzia interinale), la quale, a sua volta lo cede (lo "affitta") a un'azienda che lo utilizzerà per un periodo limitato di tempo. [Per saperne di più]

Intermediazione di manodopera
Attività di mediazione tra la domanda e l'offerta di lavoro, che riguarda pure l'inserimento lavorativo dei disabili e dei lavoratori svantaggiati.
Tale attività comprende anche la raccolta dei curricula dei potenziali lavoratori, la preselezione e la costruzione della relativa banca-dati, l'orientamento professionale, la progettazione e l'erogazione di eventuali attività formative (vedi formazione professionale) finalizzata all'inserimento lavorativo.
La Legge Biagi e il D.lgs n. 276/2003 prevedono che, oltre alle agenzie per il lavoro, l'attività di mediazione possa essere svolta anche dai Comuni, dalle Province, dalle Camere di Commercio, dalle università, dagli istituti di istruzione secondaria, dalle associazioni dei datori di lavoro, dalle associazioni sindacali, e dagli enti bilaterali.

Lavoratore svantaggiato
Persona appartenente a una categoria che ha difficoltà a entrare, senza assistenza, nel mercato del lavoro, in base all'art. 4/lettera f del Regolamento della Commissione Europea n. 2204/2002.
In particolare, sono considerati lavoratori svantaggiati:
- i giovani con meno di 25 anni o che abbiano terminato la formazione a tempo pieno da non più di 2 anni e non abbiano ancora trovato un impiego regolarmente retribuito;
- qualsiasi persona che abbia lasciato il lavoro da più di 2 anni per la difficoltà di conciliare la vita lavorativa con la vita familiare;
- le persone adulte che vivono da sole con uno o più figli a carico;
- le persone disoccupate senza titolo di studio superiore o con un'età superiore ai 50 anni.

Lavoro a domicilio
Attività retribuita svolta per conto di uno o più imprenditori presso il proprio domicilio o in un locale di cui si abbia disponibilità, anche con l'aiuto accessorio di familiari conviventi o a carico.
[ Per approfondire l'argomento clicca qui ]

Lavoro nero
Termine che indica genericamente un rapporto di lavoro stabilito contravvenendo pesantemente alla normativa vigente sul lavoro.
Le più comuni violazioni sono sintetizzabili nei casi seguenti:
- il datore di lavoro non effettua l'assunzione attraverso la Sezione Circoscrizionale per l'Impiego, e quindi omette di comunicare a questa l'assunzione stessa;
- non vengono versati i contributi previdenziali a favore del lavoratore;
- al pagamento dello stipendio non viene consegnata al lavoratore la busta paga, con tutte le indicazioni previste.

Libretto formativo
Libretto personale del lavoratore, nel quale vengono registrate le competenze acquisite durante la formazione in apprendistato, la formazione in contratto di inserimento, la formazione specialistica e la formazione continua svolta durante l'arco della vita lavorativa, organizzata da soggetti accreditati dalle Regioni, come pure le competenze acquisite secondo gli indirizzi stabiliti dall'Unione Europea in materia di formazione.

Licenziamento
Interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, che può avvenire sia per volontà del lavoratore che per quella del datore di lavoro. In entrambi i casi deve essere dato alla controparte il periodo di preavviso previsto nei rispettivi contratti collettivi di categoria.
Il licenziamento da parte del datore di lavoro può avvenire solo per giusta causa o giustificato motivo.

Liquidazione
Vedi Trattamento di fine rapporto.