DIZIONARIO dell'AMORE e del SESSO (M-Z)

Masturbazione
Vedi autoerotismo.

Menopausa
Fase che segna la fine delle mestruazioni: i follicoli contenuti nelle ovaie smettono di crescere, gli ovociti non maturano più e la produzione degli estrogeni diminuisce.
E' proprio la riduzione degli estrogeni che provoca i vari sintomi ordinariamente associati alla menopausa.
La menopausa fa la sua comparsa solitamente a un'età compresa tra i 45 e i 55 anni, ma può verificarsi in qualsiasi momento se vengono rimosse le ovaie.

Mestruazione
Sfaldamento della mucosa che riveste la cavità dell'utero (endometrio) che si verifica all'incirca ogni 28 giorni durante il periodo riproduttivo delle donne.
Si manifesta con perdite di sangue dalla vagina.

Ninfomania
Perversione sessuale relativamente rara caratterizzata dall'esaltazione dell'impulso e dell'eccitazione erotica che spinge una donna alla costante ricerca di nuovi partner con cui avere rapporti sessuali.
La vera ninfomane si distingue dalla donna che ha semplicemente una grande carica erotica, per il fatto che non prova emozioni né sentimenti nei confronti del partner, e generalmente rimane insoddisfatta dal rapporto.

Omosessuale
Persona attratta da individui del suo stesso sesso.

Omosessualità
Amore o attrazione fisica per persone del proprio sesso.

Onanismo
Vedi autoerotismo.

Orgasmo
Fase culminante del rapporto sessuale, ossia il momento di massima eccitazione.
Nell'uomo si accompagna in genere all'eiaculazione ed è caratterizzata da una sensazione di piacere intenso, concentrata nell'area genitale, ma che coinvolge l'intero organismo. Dopo ogni orgasmo, segue normalmente un periodo di latenza, della durata di almeno qualche decina di minuti, durante il quale non è possibile una nuova eccitazione e quindi una eiaculazione.
Nella donna l'orgasmo è un evento più complesso, strettamente legato al tipo della stimolazione ricevuta e al coinvolgimento emotivo. Viene in genere descritto come un piacere molto intenso che inizia dal clitoride fino a espandersi a tutto il bacino. Spesso è accompagnato da una contrazione ritmica dell'utero e del canale vaginale.
Molte donne possono avere diversi orgasmi nell'arco di pochi minuti (i cosiddetti orgasmi multipli), poiché la loro fisiologia consente di mantenere a lungo un alto livello di eccitazione.

Ovaie
Organi interni femminili posti su entrambi i lati dell'utero, che contengono gli ovociti e producono gli ormoni sessuali, come gli estrogeni.

Ovocita
Vedi ovulo.

Ovulazione
Rilascio di un ovocita maturo da un ovaio dopo lo scoppio del follicolo. Si verifica all'incirca ogni 4 settimane, a metà del ciclo mestruale, approssimativamente 14 giorni prima dell'inizio del periodo mestruale successivo.

Ovulo
Detto anche ovocita o gamete femminile, è la cellula germinale femminile.

Parafilia
Attaccamento morboso a un qualche tipo particolare di soddisfazione sessuale.

Pene
Organo sessuale maschile formato da tre colonne di tessuti, due corpi cavernosi ed un corpo spugnoso. Durante l'eccitazione sessuale queste tre colonne si riempiono di sangue, provocando l'erezione del pene.
Può accadere che, a causa di difetti circolatori, insufficienze ormonali o problemi psicologici, non si abbia un succiente afflusso di sangue, con conseguente insorgere di un disturbo erettile (impotenza).
Per quanto riguarda le dimensioni del pene, domanda che assilla milioni di uomini, si può dire che in fase di erezione, esse vanno normalmente dai 12 ai 18 cm. di lunghezza e dai 10 ai 12 cm. di circonferenza (misurata alla base del pene, dalla parte vicina all'addome).

Petting
Termine inglese per indicare il susseguirsi di carezze ed effusioni amorose, che può portare il partner fino all'orgasmo, ma senza che ci sia penetrazione.

Pillola
Contraccettivo orale composto da due sostanze simili agli ormoni prodotti normalmente dall'organismo femminile, che regolano l'attività dell'apparato riproduttore. La pillola crea una situazione simile a quella della gravidanza, mettendo a riposo le ovaie e inibendo l'ovulazione.

Preliminari
Fase del rapporto sessuale che precede la penetrazione vera e propria e che comprende tutte le sollecitazioni erotiche che i partner si scambiano per portarsi al culmine dell'eccitazione.

Prepuzio
Involucro cutaneo del pene situato in corrispondenza del glande

Preservativo
Vedi profilattico.

Prima volta
Il primo rapporto sessuale riveste grandissima importanza perché esso può condizionare in un senso o nell'altro la futura vita sessuale.
Per le ragazze, la prima volta ha anche delle conseguenze fisiche sensibili: essa comporta infatti la perdita della verginità, resa manifesta dalla lacerazione dell'imene. Alla verginità, fino a qualche decina di anni fa, si attribuiva un notevole valore; oggi, almeno nelle società occidentali, a tale aspetto non si da più un gran rilievo.
Per quanto riguarda i maschi, la prima volta non comporta alterazioni fisiche, ma costituisce una tappa importante sotto il profilo psicologico.

Profilattico
Mezzo contraccettivo di tipo meccanico costituito da una sottile guaina di gomma che viene inserita sul pene, già in erezione.
Agisce impedendo al liquido seminale di spargersi per la vagina, raggiungendo quindi l'utero.
Se ben utilizzato, la sua efficacia nella contraccezione è abbastanza buona. Esso può avere inoltre una importanza fondamentale nella protezione dal contagio di malattie a trasmissione sessuale (Aids, sifilide, gonorrea, ecc.).

Progesterone
Ormone sessuale femminile prodotto dopo l'ovulazione e che serve a preparare l'utero all'impianto dell'embrione o, in caso di mancata fecondazione, a indurre le modificazioni dell'endometrio che portano alla mestruazione.

Prostata
Ghiandola che fa parte dell'apparato genitale maschile con la funzione di secernere una sostanza che al momento dell'eiaculazione si mescola agli spermatozoi prodotti dai testicoli.

Prostituzione
Attività che consiste nel fornire prestazioni sessuali dietro compenso. Il compenso non è necessariamente in moneta, ma può assumere anche altre forme, come la fornitura di alimenti, di un alloggio o di sostanze stupefacenti.
Viene praticata in prevalenza da donne, sebbene, in misura ridotta, anche da uomini, ragazzi/e molto giovani, gay, transessuali, ecc.

Pubertà
Periodo della vita in cui si verifica lo sviluppo sessuale. Nei maschi inizia la produzione di spermatozoi e nelle femmine quella degli ovuli.

Scroto
Sacca di pelle situata sotto il pene contenete i testicoli.

Sifilide
Malattia infettiva trasmessa prevalentemente per via sessuale, causata da un batterio, il "treponema pallidum".
Il primo sintomo è generalmente una piccola ferita indolore (sifiloma) nella zona dove è avvenuto il contagio (pene, vagina, ano o bocca). Dopo 20 giorni, un mese, la ferita guarisce spontaneamente e possono comparire eruzioni cutanee in tutto il corpo, linfonodi ingrossati, malesseri e lieve febbre.
Questi sintomi spariscono entro poche settimane, e può trascorrere un lungo periodo di latenza (anche anni); in seguito si entra nello stadio finale della malattia, nel quale si possono avere gravissimi danni a carico del sistema nervoso centrale, del midollo spinale e della corteccia cerebrale.
La sifilide può essere curata con una terapia a base di pennicillina.

Sperma
Seme maschile costituito da un liquido bianco-latte che viene espulso con forza dal pene al momento dell'orgasmo. Ogni eiaculazione contiene da 40 a 200 milioni di spermatozoi.

Spermatozoo
Cellula germinale maschile prodotta dai testicoli.

Spirale
La spirale o IUD (Intra-Uterine Devices) è un piccolo dispositivo flessibile di plastica da collocare nell'utero, dove svolge un'azione anticoncezionale. Tale azione si esplica a livello strettamente locale impedendo l'annidamento dell'uovo attraverso una modificazione della mucosa uterina, senza influenzare sensibilmente la funzione delle ovaie e quella delle tube.

Testicolo
Ciascuna delle ghiandole sessuali maschili contenute nello scroto, destinate alla produzione di spermatozoi.

Testosterone
Ormone sessuale prodotto dai testicoli nell'uomo e, in quantità minime, dalle ovaie nella donna.
Stimola la crescita di ossa e muscoli e lo sviluppo sessuale.

Utero
Organo a forma di pera capovolta situato nella cavità addominale della donna; vi si distinguono una parte più grossa (il corpo uterino) e una più piccola (collo uterino). E' rivestito internamente da uno strato di cellule (endometrio) che rispondono alle variazioni ormonali determinate dal ciclo mestruale.
L'utero ospita e nutre il feto durante la gravidanza.
Durante il parto, i muscoli dell'utero si contraggono per espellere il bambino dal corpo della made.

Vagina
Organo sessuale femminile, di forma cilindrica un po' appiattita, con una lunghezza variabile dai 7 ai 12 cm. e una larghezza di 2,5-3 cm: durante il rapporto sessuale queste dimensioni si modificano per adattarsi alle misure del pene.

Vaginismo
Difficoltà da parte di una donna di avere rapporti sessuali completi dovuta a una contrazione involontaria della muscolatura pelvica e vaginale tale da rendere dolorosa o addirittura impossibile la penetrazione.
Il vaginismo si distingue in primario e secondario: nel primo caso non è stata mai possibile la penetrazione; nel secondo, le difficoltà sono insorte inaspettate all'interno di una vita sessuale precedentemente completa e soddisfacente.
Le cause di questo disturbo sono per lo più di tipo psicologico e, una volta esclusi fattori organici come traumi o infezioni vaginali, vanno affrontate con l'aiuto di un buon sessuologo.
[Per approfondire l'argomento clicca qui]

Vulva
L'insieme degli organi genitali esterni della donna (monte di Venere, grandi e piccole labbra, clitoride).

Zone erogene
Regioni del corpo provviste di un rivestimento cutaneo mucoso che, se stimolate opportunamente, accrescono e rendono più rapida la fase di eccitazione sessuale.
Vengono generalmente considerate zone erogene: la zona genitale, la bocca, la zona anale e il seno (in special modo il capezzolo).