GALILEO GALILEI

VITA e OPERA
Galileo Galilei (Pisa 1564 - Arcetri, Firenze 1642), fisico, astronomo e filosofo della natura italiano; assieme all'astronomo tedesco Giovanni Keplero diede inizio alla rivoluzione scientifica culminata nell'opera di Isaac Newton.
Il disaccordo con l'autorità ecclesiastica, in seguito alla sua adesione alle tesi copernicane, l'obbligo di abiurare e la condanna che ne seguì segnarono una tappa fondamentale nella storia del pensiero scientifico.
Figlio del musicologo Vincenzo, Galileo ricevette la prima formazione culturale presso i monaci di Vallombrosa; nel 1580 si iscrisse alla facoltà di medicina dell'università di Pisa, ma il maturare di nuovi interessi per la filosofia e la matematica lo spinse ad abbondonare gli studi intrapresi e a dedicarsi a queste discipline. Nel periodo successivo lavorò ad alcuni scritti sull'idrostatica e sui moti naturali, che non furono pubblicati. Nel 1589 divenne professore di matematica a Pisa, dove iniziò la critica del pensiero aristotelico: si dice che per dimostrare ai suoi allievi l'errore del filosofo greco, secondo il quale la velocità di caduta di un corpo era proporzionale al suo peso, egli abbia lasciato cadere contemporaneamente due oggetti di peso diverso dalla Torre pendente.
Nel 1592 ottenne la cattedra di matematica all'università di Padova, dove rimase per diciotto anni.
Nell'ambiente stimolante di questa città, Galileo inventò un "compasso" geometrico-militare per calcolare la soluzione di problemi balistici, e realizzò numerosi esperimenti che lo condussero alla scoperta delle leggi che regolano la caduta libera dei gravi; studiò il moto dei pendoli e alcuni problemi di meccanica. Per quanto riguarda l'astronomia, egli dichiarò la sua adesione alla teoria copernicana sin dal 1597 e, in contrapposizione alla concezione geocentrica del cosmo elaborata da Tolomeo, addusse una teoria delle maree che assumeva il movimento della Terra.
L'invenzione del cannocchiale, nel 1609, rappresentò una svolta nella sua attività scientifica: perfezionò lo strumento e lo utilizzò per precise osservazioni astronomiche che culminarono nella scoperta di montagne e crateri sulla Luna, della Via Lattea come ammasso di stelle e dei quattro maggiori satelliti di Giove.
Pubblicò le sue scoperte nel marzo 1610 nel Sidereus Nuncius, la fama che ne trasse gli procurò un posto di matematico e filosofo di corte a Firenze, dove, libero dagli impegni dell'insegnamento, si dedicò alla ricerca e alla stesura delle sue opere. L'osservazione delle fasi di Venere (1610) rappresentò una convincente conferma dell'ipotesi copernicana. La sua critica alla teoria di Aristotele sulla perfezione dei cieli innescò un'accesa polemica con l'ambiente filosofico; il contrasto con i teologi si inasprì ulteriormente con la pubblicazione, nel 1612, di un'opera sulle macchie solari in cui Galileo faceva aperta professione delle teorie copernicane, considerate eretiche perché in contraddizione con il contenuto della Bibbia. Nel 1614 un sacerdote fiorentino denunciò i seguaci di Galileo dal pulpito; Galileo rispose con una lunga lettera nella quale affermava che il conflitto tra il pensiero scientifico e l'interpretazione dei testi sacri non era sintomo di una duplice verità, bensì di una non corretta interpretazione di questi ultimi e che sarebbe stato un grave errore elevare qualsiasi posizione scientifica a dogma della Chiesa, così com'era avvenuto per la teoria aristotelica o per il sistema tolemaico.
All'inizio del 1616, i libri di Copernico furono sottoposti a censura per editto e il cardinale gesuita Roberto Bellarmino intimò a Galileo di ripudiare la teoria sul moto della Terra.
Galileo restò in silenzio per anni, lavorando a un metodo per determinare le longitudini sul mare in base alla posizione da lui prevista dei satelliti di Giove e riprendendo gli studi precedenti sulla caduta dei corpi. Espresse le sue opinioni sul metodo scientifico nel Saggiatore (1623) che, sebbene contenesse un'interpretazione non corretta del fenomeno delle comete, fu accolto benevolmente dal nuovo pontefice Urbano VIII.
Nel 1624, incoraggiato dal credito ottenuto, iniziò un'opera che voleva chiamare Dialogo sulle maree, in cui le teorie tolemaica e copernicana venivano esaminate alla luce della fisica delle maree. Nel 1630 il libro ricevette il visto per la stampa dai censori della Chiesa di Roma e fu pubblicato due anni dopo col titolo Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. Nonostante due visti ufficiali, Galileo venne convocato a Roma dall'Inquisizione, che lo processò per "grave sospetto di eresia": costretto ad abiurare, venne condannato al carcere a vita, rapidamente commutato negli arresti domiciliari permanenti ad Arcetri. Fu ordinato, inoltre, che il Dialogo venisse bruciato e che la sentenza contro lo scienziato fosse letta pubblicamente in tutte le università.
L'ultimo libro di Galileo, Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attinenti alla meccanica, pubblicato nel 1638 a Leida, in Olanda, riesamina e perfeziona gli studi precedenti sul movimento e, in generale, i principi della meccanica. Quest'opera aprì una strada che avrebbe portato Newton a formulare la legge della gravitazione universale, collegando le leggi di Keplero sui pianeti alla fisica-matematica di Galileo. Per quanto il nucleo della ricerca di Galileo fosse costituito dallo studio della meccanica e delle leggi che regolano il moto dei corpi, sul piano filosofico esercitarono una maggiore influenza sui posteri opere come il Sidereus Nuncius e il Dialogo, che costituiscono un'eccezionale testimonianza della lotta di Galileo per liberare la ricerca scientifica dai vincoli rappresentati dalle interferenze teologiche. Intorno al 1870, con la pubblicazione completa dei documenti del processo a Galileo, l'intera responsabilità della condanna dello scienziato fu attribuita alla Chiesa, trascurando il ruolo svolto dai professori di filosofia del tempo che, per primi, persuasero i teologi del contenuto eretico della scienza di Galileo.
Un'indagine sulla condanna dell'astronomo, con la richiesta di cancellarla, fu ordinata nel 1979 da papa Giovanni Paolo II e si concluse nell'ottobre del 1992 con il riconoscimento, da parte della commissione papale, dell'errore del Vaticano.

[Scheda di Giuseppe Bovo]
(Cape Canaveral)



BRANI ANTOLOGICI ARTICOLI (per l'approfondimento)


-- Sidereus Nuncius [1610] - Versione.pdf

-- Discorso intorno alle cose che stanno in su l'acqua [1612]

-- Istoria e dimostrazioni intorno alle Macchie Solari

-- Il Saggiatore [1623] - Versione.pdf

-- Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo [1632]

-- Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attinenti alla meccanica et i movimenti locali [1638]


Emanuele Vinassa de Regny, Galileo Galilei. Una breve biografia, Lampi di stampa, 2004

Massimo Bucciantini, Galileo e Keplero. Filosofia, cosmologia e teologia nell'Età della Controriforma, Einaudi, Torino, 2003

James Reston, Galileo, Piemme, 2001

Marco Macciò, Il pendolo di Galileo, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2000
L'autore, analizzando le posizioni di diversi autori, tra i quali Hanson, Kuhn, Popper, Duhem, soprattutto alla luce degli ideali metodologici che emergono dall'opera di Galileo, arriva a contestare la tesi secondo la quale non esisterebbero fatti oggettivi (poiché i "fatti sono sempre carichi di teorie").

Paolo Rossi, Galileo Galilei, Ist. Poligrafico dello Stato, 1997

Jean-Pierre Maury, Galileo. Messaggero delle stelle, Electa Gallimard, 1992

Vincenzo Viviani, Vita di Galilei. Con appendice ai testi e documenti, Moretti & Vitali, 1992

Ludovico Geymonat, Galileo Galilei, Einaudi, Torino, 1969

Egidio Festa, Galileo. La lotta per la scienza, Laterza, Roma-Bari, 2007

Peter Atkins, Il dito di Galileo, Cortina, Milano, 2004

Annibale Fantoli, Il caso Galileo, Rizzoli, Milano, 2003

Enrico Bellone, La stella nuova. L'evoluzione e il caso Galilei, Einaudi, Torino, 2003

Remigio Presenti, Galileo e Bellarmino. Lettura moderna di una disputa antica, Le Balze, 2002

Antonino Pellicanò, Del periodo giovanile di Galileo Galilei. Il trattato di fortificazione, Gangemi, 2001

Annibale Fantoli, Galilée. Pour Copernic et pour l'Eglise, Libreria Editrice Vaticana, 2001

Antonino Zichichi, Galilei divin uomo, Il Saggiatore, Milano, 2001

Andrea Battistini, Galileo e i gesuiti. Miti letterari e retorica della scienza, Vita e Pensiero, Milano, 2000

Armando Brissoni, Saggio su Galileo Galilei. Discorsi di dottrina, Gangemi, 2000

Paolo Ponzio, Copernicanesimo e teologia. Scrittura e natura in Campanella, Galilei e Foscarini, Levante, 1998

Stillman Drake, Galileo, Il Mulino, Bologna, 1998

Andrea Frova - Mariapiera Marenzana, Parola di Galileo. Attualità del grande scienziato in una scelta commentata dei suoi scritti, Rizzoli, Milano, 1998

Paolo Rossi, La nascita della scienza moderna in Europa, Laterza, Bari, 1997
Opera utile per approfondire gli aspetti generali della cultura moderna ai tempi di Galileo.

Alceste Santini, Il caso Galilei. La lunga storia di un «Errore», SEI, 1995

Massimo Bucciantini, Contro Galileo. Alle origini dell'«affaire», Olschki, 1995

Fabio Minazzi, Galileo filosofo geometra, Rusconi, Milano, 1994

Mario D'Addio, Il caso Galilei. Processo, scienza, verità, Studium, 1993

Enrico Giusti, Euclides reformatus. La teoria delle proporzioni nella scuola galileiana, Bollati Boringhieri, Torino, 1993

Antonino Poppi, Cremonini e Galilei inquisiti a Padova nel 1604: i nuovi documenti d'archivio, Antenore, Padova, 1992

Tommaso Campanella, Apologia di Galileo, Isonomia, 1992

Walter Brandmüller, Galilei e la Chiesa ossia il diritto ad errare, Libreria Editrice Vaticana, 1992

William R. Shea, Copernico, Galileo, Cartesio. Aspetti della rivoluzione scientfica, Armando, Roma, 1989

Stillman Drake, Galileo, Il Mulino, Bologna, 1988

Pietro Redondi, Galileo eretico, Einaudi, Torino, 1983

Alexandre Koyré, Studi galileiani, Einaudi, Torino, 1976

William Shea, La rivoluzione intellettuale di Galileo, Sansoni, Firenze, 1974


Siti per approfondimenti:

Galileo/Geocities
Galileo Galilei, la vita e l'opera, il contesto storico.

Galileo
La vita e l'opera di Galileo Galilei.

Galileo/Digilander
La vita e l'opera di Galileo Galilei.

Galileo/Encyclopedia.it
Pagina di Encyclopedia.it dedicata alla vita e all'opera di Galileo.

Galileo/Valentiniweb
Vita e opera di Galileo.

Galileo/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata a Galileo Galilei.

Galileo/Liceo "Mamiani"
Galileo e il metodo scientifico.

Galileo/Biblio-net
Breve sintesi della vita di Galileo Galilei.

The Galileo Project
Informazioni sulla vita e sull'opera di Galileo Galilei.

Galileo/Groups
Pagina dedicata alla vita e all'opera di Galilei.

Galileo/Fisicamente
Articolo on line: Roberto Renzetti, "Il metodo di Galileo".