ERASMO da ROTTERDAM

VITA
Il monaco agostiniano Desiderio Erasmo da Rotterdam (1469 - 1536) fu il più grande umanista non italiano, nonché uno dei più attivi sostenitori della riforma in seno al cattolicesimo.
Viaggiò moltissimo tra l'Italia, la Francia, l'Inghilterra, la Svizzera e la Germania. Scrisse numerose opere, tra cui si ricordano il famoso Elogio della follia, L'istituzione del principe cristiano, il De libero arbitrio, i Colloqui e le Lettere.


Nel pensiero erasmiano assume un peso particolare l'esaltazione della libertà dell'uomo. E' per tale ragione che, pur nella sua forte critica nei confronti della corruzione dell'intolleranza della Chiesa cattolica, egli rifiutò di aderire alla riforma di Lutero.
Per Erasmo, era infatti inaccettabile una dottrina come quella luterana, la quale poneva il fondamento della "giustificazione" dell'uomo esclusivamente nella fede, propugnando così una dipendenza quasi assoluta dell'anima umana da Dio.

[Scheda di Adriano Virgili]

-- Elogio alla follia, Einaudi, Torino, 2002

-- Elogio alla follia. Testo latino a fronte, Newton & Compton, Roma, 2002 - E-book (consultabile liberamente on line)

-- Colloqui familiari, Alzani, 2003

-- Sul libero arbitrio, Studio Tesi, 1995

-- I sileni di Alcibiade, Liguori, Napoli, 2002

-- Sulle buone maniere dei bambini, Armando, Roma, 2000

-- Lamento della pace, Dadò, 1996


Johan Huizinga, Erasmo, Einaudi, Torino, 2002

Stefan Zweig, Erasmo da Rotterdam, Bompiani, Milano, 2002

Roberto Torzini, I labirinti del libero arbitrio. La discussione tra Erasmo e Lutero, Olschki, 2000

Erika Rummel, I colloqui di Erasmo da Rotterdam, Jaca Book, 1998

Achille Olivieri, Erasmo e le utopie del '500, Unicopli, 1996

Cecilia Asso, La teologia e la grammatica. La controversia tra Erasmo e Edward Lee, Olschki, 1993

Luca D'Ascia, Erasmo e l'umanesimo romano, Olschki, 1991

Roland H. Bainton, Erasmo della cristianità, Sansoni, Firenze, 1989


Erasmo/Cultura Nuova
Breve scheda su Erasmo da Rotterdam.