FREDRICH ENGELS

VITA
Friedrich Engels (1820 - 1895), dal 1844 iniziò una lunga solidarietà politica e di pensiero con Marx, che affiancò nella stesura di opere come Manifesto del Partito Comunista.
Dopo il fallimento della rivoluzione tedesca del 1848, riprese l'attività politica nel 1869 per indirizzare, adoperandosi con Marx, l'Internazionale socialista e il movimento della socialdemocrazia tedesca.
Morto Marx, Engels provvide alla revisione ed alla pubblicazione del Capitale, portando a termine la stesura del secondo e terzo volume.



Il pensiero di Engels ha come termine di riferimento privilegiato l'ortodossia marxista basata sulla concezione materialistica della storia e sul "socialismo scientifico".
Engels concepisce le leggi della dialettica non come categorie del pensiero, bensì come le leggi reali dell'evoluzione della natura (materialismo dialettico).
Difende la concezione della dialettica come istanza di contraddizione indispensabile per l'"estinzione dello Stato" e l'avvento del "governo degli uomini".


Oltre alle opere che scrisse in collaborazione con Marx, sue sono: le Anti-Duhring (1878), L'origine della famiglia della proprietà privata e dello Stato (1884), Feuerbach e la fine della filosofia classica tedesca (1886), la Dialettica della natura (pubblicata postuma nel 1925).


F. De Aloisio, Engels senza Marx, Liguori, Napoli, 1979

G. Prestipino, Natura e società. Per una nuova lettura di Engels, Editori Riuniti, Roma, 1973

R. Mondolfo, Il materialismo storico di Federico Engels, La Nuova Italia, Firenze, 1972

E. Fiorani, F. Engels e il materialismo dialettico, Feltrinelli, Milano, 1971

G. Mayer, F. Engels. La vita e l'opera, Einaudi, Torino, 1969

A. Cornu, Marx e Engels dal liberalismo al comunismo, Feltrinelli, Milano, 1962


Siti per approfondimenti

Engels/Riflessioni.it
Vita e pensiero di Engels.

Engels/EMSF
Breve scheda su Engels.

Engels/Cronologia.it
Breve biografia di Engels.