WILHELM DILTHEY

VITA e PENSIERO
Wilhelm Dilthey (1833-1911) si propone di restituire autonomia allo studio del sapere storico, luogo di svolgimento del mondo umano. Dilthey crede che lo scopo fondamentale dei filosofi e della filosofia sia quello di proseguire il criticismo kantiano, volgendone i presupposti alla creazione di una scienza dello spirito che si avvalga anche dei risultati di altre discipline che abbiano come loro oggetto d'indagine i fenomeni etici, sociali, psicologici e gnoseologici. Il rinvenimento delle leggi che regolano questi fenomeni deve avere come sua precondizione l'"intuizione dello sviluppo storico come processo in cui sorgono tutti i fatti spirituali"; intuizione che si è espressa, per Dilthey, nella filosofia della storia contemporanea, da Winckelmann, attraverso l'Idealismo Ottocentesco, fino a Boeckh. Il filosofo di riconosce i gravi limiti della scuola storica, che derivano dal non aver approfondito i fatti singolari, dopo aver circoscritto la loro peculiarità ai legami relazionali oggettivi, relativamente alla realtà storica e storicamente sociale. È necessario che questi fatti singolari siano compresi dall'interno, dal momento che "noi li possiamo riprodurre, fino a un certo punto, in noi, in base all'osservazione dei nostri stessi stati". Possiamo giungere a una conoscenza di base intuendo i singoli eventi rappresentati con il concorso attivo e fattivo della nostra esperienza vissuta (Erlebnis).
C'è una corrispondenza di tipo analogico tra l'esperienza vissuta individuale e l'esperienza vissuta altrui, che ci consente di interpretare, a livello di consapevolezza storica, le varie espressioni della realtà umana d'ogni tempo come un'esperienza vissuta collettiva che risulta dalla generalizzazione di un'Erlebnis individualmente connotata. Gli stessi fatti acquistano la fisionomia di segni, che, relativamente all'esperienza vissuta dal singolo, gli consentono di aderire all'Erlebnis di chi li ha prodotti. La scienza storiografica deve quindi correlarsi alle altre Geisteswissenschaften, psicologia compresa, data la preminenza che assume l'esperienza vissuta individuale nella presa di coscienza storica. Tuttavia questa correlazione tra la storiografia e le altre scienze dello spirito non può non riconoscerne l'autonomia speculativa a fronte delle Naturwissenschaften, cioè l'insieme delle scienze naturali: Fisica, Biologia, Matematica, Chimica, etc…
Nell'interpretazione di Dilthey le scienze dello spirito sono distinte e separate dalle scienze della natura in quanto queste studiano fatti che si mostrano alla coscienza estrinsecamente, quali fenomeni dati singolarmente, invece nelle Scienze dello Spirito i fatti si mostrano subito in maniera intrinseca, come una realtà autonoma ed una correlazione vivente. Nelle Scienze della Natura la correlazione con quest'ultima deriva da una concettualizzazione chiamata ad integrare i fenomeni, attraverso una connessione congetturale basata su ipotesi sperimentali, mentre le Scienze dello Spirito trovano un principio regolatore nella correlazione elementare dell'esistenza psicologica. Come Dilthey scrive nell'opera Idee su una psicologia descrittiva e analitica, "noi spieghiamo la natura, mentre intendiamo la vita psichica [...]. La connessione vissuta è qui l'elemento primo, la distinzione dei suoi singoli membri sopravviene in seguito".
Il fondamento delle Naturwissenschaften, o scienze naturali, è la concettualizzazione, basata sull'equivalenza tra causa/effetto, e la loro modalità d'espressione è nel ragionare mediante equazioni. Il fondamento delle scienze dello spirito è l'ermeneutica comprendente della prospettiva storica e sociale umana sulla base della correlazione e della condivisione comunitaria insita in ogni vita psichicamente connotata.
Dilthey distingue tra le scienze dello spirito, da un lato, quelle che si pongono come obiettivo intrinseco le generalizzazioni, quelle che in sostanza mirano a trovare le uniformità della realtà umana, e, dall'altro, la storia. La scienza storica infatti studia i fenomeni umani nella loro peculiarità singolare. sulle manifestazioni umane nella loro specificità individuale. Delle scienze generalizzanti fanno parte: psicologia, antropologia, arte religione, filosofia, scienza, economia e diritto. Ogni scienza particolare dello spirito conosce la realtà storico-sociale solo relativamente, in quanto ha coscienza della propria relazione con le altre scienze dello spirito.
Ma come comprendiamo il mondo storico nella sua globalità? Anzitutto mediante l'idea della "oggettivazione della vita". La vita si esprime in una molteplicità di oggettivazioni relazionate. La comprensione del mondo storico è la comprensione di esse, in quanto tali oggettivazioni sono prodotti storicamente determinati della vita dell'uomo, sono fenomeni obiettivi del processo di produzione della vita. E ciò che si trova come oggettivazione storica della vita degli uomini del passato, è comprensibile in quanto oggettivazione della nostra stessa vita. Per questa ragione, argomenta Dilthey, la storia non è nulla di separato dalla vita, nulla di staccato dal presente a causa della sua distanza nel tempo.
Ogni prospettiva filosofica, come ogni manifestazione culturale, è del tutto storicizzata e condizionata anche quando si mostra come un sistema isolato. Essa si caratterizza per una propria intuizione del mondo, che, travestita in panni concettuali, si fa metafisica. Le varie metafisiche, pur avanzando la pretesa di risolvere una volta per tutte i misteri del mondo sono molte e diversificate. È impossibile trovare una filosofia totale che riunisca concettualmente tutti le forme delle diverse metafisiche, in quanto ognuna di esse rispecchia il contesto storico in cui nasce, si sviluppa e conclude il suo ciclo vitale.

[Scheda di Domenico Turco]
(www.mondo3.it)

OPERE

-- Vita di Schleiemacher (1867-1870)

-- Introduzione alle scienze dello spirito (1883)

-- Studi per la fondazione delle scienze dello spirito

-- La costruzione del mondo storico nelle scienze dello spirito (1910)

-- Idee su una psicologia descrittiva e analitica (1894)

-- Contributi allo studio dell'individualità (1896)

-- Le origini dell'ermeneutica (1900)

-- L'essenza della filosofia (1907)

-- I tipi di intuizione nel mondo (1911)

-- Nuovi studi sulla costruzione del mondo storico nelle scienze e nello spirito (postumo)


BIBLIOGRAFIA

Franco Bianco, Introduzione a Dilthey, Laterza, Bari, 1995

C. Vicentini, Studio su Dilthey, Milano, 1974

Marco Jacobson, Heidegger e Dilthey. Vita, morte e storia, Mimesis, Milano, 2011

Alfredo Marini, Alle origini della filosofia contemporanea. Antinomie dell'esperienza, fondazione temporale del mondo umano, epistemologia della connessione, Franco Angeli, Milano, 2008

Amedeo Marinotto, Comprendere la vita. La realtà spirituale e l'ermeneutica di Dilthey, Franco Angeli, Milano, 2003

Alfredo Marini, Materiali per Dilthey. Idee su una psicologia descrittiva e analitica, Franco Angeli, Milano, 2002

Salvatore Giammusso, La comprensione dell'umano. L'idea di un'ermeneutica antropologica dopo Dilthey, Rubbettino, 2000

Renato Cristin, Fenomeno storia. Fenomenologia e storicità in Husserl e Dilthey, Guida, Napoli, 1999

M. Failla, Dilthey e la psicologia descrittiva, Franco angeli, Milano, 1991

Franco Bianco (a cura di), Dilthey e il pensiero del Novecento, Franco Angeli, Milano, 1988

Guglielmo Ferni, Studi di ermeneutica. Schleiermacher, Dilthey, Cassirer, CLUEB, 1985

A. Marini, Alle origini della filosofia contemporanea: Wilhelm Dilthey, Firenze, 1984

Alfredo Civita, La filosofia del vissuto: Brentano, James, Dilthey, Bergson, Husserl, Unicopli, Milano, 1982

Giuseppe Cacciatore, Scienza e filosofia in Dilthey, Guida, Napoli, 1976

C. Vicentini, Studio su Dilthey, Milano, 1974

Franco Bianco, Dilthey e la genesi della critica storica della ragione, Milano, 1971

G. Calabrò, Dilthey e il diritto naturale, Napoli, 1968

Maurizio Pancaldi, Dilthey, Windelband, Rickert, Weber: i metodi delle scienze storico-sociali nella riflessione storicistica, Signorelli, Milano, 1987

A. Negri, Saggio sullo storismo tedesco: Dilthey e Meinecke, Milano, 1959

Carlo Antoni, Dallo storicismo alla sociologia, Sansoni, Firenze, 1940
Opera di carattere generale: la cultura tedesca a cavallo dei secoli XIX e XX, Dilthey, Meinecke, Troeltsch, Weber


Siti per approfondimenti

HS01/Mondodomani
Articolo on line: Horst Seidl, "Il problema del realismo nella filosofia delle scienze umane di Wilhelm Dilthey".