GEORGE BERKELEY


La tesi centrale del pensiero di Berkeley può essere riassunta nella celebre formula esse est percepi (essere è essere percepito), la quale sta a significare l'esistere di una cosa consiste nel suo essere percepita oppure nel suo essere ciò che percepisce. Tale impostazione viene definita dallo stesso filosofo come immaterialismo, in quanto per lui non è possibile tracciare nessuna linea di demarcazione tra ciò che è reale e ciò che è percepito, vista la loro assoluta coincidenza.
I matematici ed i fisici hanno aperto la via all'ateismo ed all'irreligiosità. La matematica, infatti, professa assurdità quali l'infinita divisibilità delle linee, cosa che è in pieno contrasto con ciò che è testimoniato dai sensi. La fisica si basa su nozioni come quelle di attrazione e forza, che non sono altro che finzioni verbali. La scienza della natura è descrittiva, non esplicativa, limitandosi a stabilire le correlazioni senza cogliere le cause.
L'ordine dei fenomeni è stato stabilito da Dio per il nostro bene. Decifrare le successioni che si presentano alla nostra sensibilità equivale a decifrare il linguaggio con cui Dio ci ha comunicato i sui decreti. Gli oggetti visivi, per esempio, sono un linguaggio (quello visivo appunto) con cui Dio ci indica quali cose sono buone e quali invece nocive. I limiti della nostra conoscenza sono la prova che Dio ha stabilito l'ordine del mondo secondo la propria superiore volontà.

[Scheda di Adriano Virgili]

OPERE

-- Trattato sui princìpi della conoscenza umana (1710)

-- De motu (1721)

-- Difesa del libero pensiero in matematica (1735)


BIBLIOGRAFIA ITALIANA

Mario Rossi, Introduzione a Berkeley, Laterza, Bari, 2000

David Berman, Berkeley, Sansoni, Firenze, 1998

Renzo Raggiunti, Il problema del linguaggio nella filosofia di Berkeley, Del Bucchio, Genova, 1990

Silvia Parigi, Il mondo visibile. George Berkeley e la "perspectiva", Olschki, 1995

Luigi Neri, George Berkeley. Filosofia e critica dei linguaggi scientifici, CLUEB, 1992

Leonardo Vaiana, Il problema della percezione da Berkeley ad Ayer, Armando, Roma, 1989

M. P. Fimiani, George Berkeley. Il nome e l'immagine, Lerici, Cosenza, 1979

P. F. Mugnai, Segno e linguaggio in George Berkely, Ediz. dell'Ateneo e Bizzarri, Roma, 1979


Siti per l'approfondimento

Berkeley/Filosofico.net
Vita e pensiero di Berkeley.

Berkeley/Riflessioni.it
Vita e pensiero di Berkeley.

Berkeley/IEP
Pagina de The Internet Encyclopedia of Philosophy dedicata a Berkeley.

Berkeley/SOS.Philosophie
Pagina dedicata alla vita e al pensiero di Berkeley.

Berkeley/Donatoromano
Il pensiero di Berkeley e la cultura della sua epoca.

Berkeley/Formae-mentis
Breve nota biografica e sintesi del pensiero di Berkeley.

Berkeley/Ul.ie
Articolo on line: Stephen Thornton, "Berkeley's Theory of Reality".

Berkeley/Bu.edu
Articolo on line: Eldon C. Wait, "A Phenomenological Reply to Berkeley's 'Water Experiment'".